Premier League: sorpasso United, con un Ronaldo così!

di Marco Mancini Commenta

Aggancio alla vetta della classifica e campionato riaperto. Il primo posto dell’Arsenal che durava dall’inizio del 2008 è ora messo a dura prova dall’arrivo di due treni inarrestabili: Manchester e Chelsea.
I Red Devils faticano tantissimo in casa del Derby County, ultimo in classifica, e devono ringraziare il loro terzo portiere Foster se non prendono gol. A parte il palo di Cristiano Ronaldo lo United non si vede per quasi tutta la gara, e solo grazie al suo talento riesce a strappare la vittoria ad un quarto d’ora dalla fine.

Non meno faticosa la trasferta dei Blues a Sunderland, dove i biancorossi cercano i punti salvezza. Partono subito forte i londinesi con un gol di Terry dopo 10 minuti, ma poi spariscono, e sale in cattedra Cudicini, decisivo nel finale che regala la vittoria del -3 dalla vetta.
Dove invece il portiere non è stato decisivo è a Londra, sponda Arsenal. Infatti Lehmann si fa infilare dopo 25 minuti dall’ex Aliadiere, e si salva grazie al pareggio a 4 minuti dalla fine di Tourè, che però non basta per mantenere il primato. E tenendo conto che i Gunners hanno una partita in più di Manchester e Chelsea, lo scudetto comincia ad allontanarsi.


Ma anche il Liverpool vuole partecipare alla volata finale, si stacca dall’Everton che lo aveva accompagnato finora e si porta al quarto posto in solitaria grazie alla settima vittoria di fila. Non spaventa la rete del Reading dopo soli 5 minuti, perchè se hai in campo dei mostri sacri come Mascherano e Torres, non puoi avere problemi a rimontare e prenderti i 3 punti.
Pagano dazio invece i cugini dell’Everton, una delle squadre più in forma d’Europa, che si fanno sorprendere sul campo del Fulham che si rilancia in piena corsa salvezza.

In zona Uefa si lotta parecchio e il discorso sarà aperto fino alla fine del campionato. Se la seconda squadra di Liverpool ha la quasi certezza di qualificarsi, non ce l’hanno le successive cinque, racchiuse in 7 punti, ma che si scambiano continuamente le posizioni. A guadagnarci da questo turnover è il Portsmouth, che batte i diretti avversari dell’Aston Villa 2-0 e li superano, guagnando la sesta posizione. Anche il City non perde il passo e ribalta il risultato in casa contro il Tottenham. Gli Speroni erano partiti con ben altre ambizioni, ma adesso devono guardarsi alle spalle, dato che dietro corrono e i punti di vantaggio dalla retrocessione sono solo una decina.
Il West Ham, dato per sconfitto nella corsa per un posto Uefa, si riprende alla grande e si aggrappa al Blackburn per rientrare in gioco. Passano in vantaggio i biancazzurri con Santa Cruz, ma il pareggio non tarda ad arrivare, e a dieci minuti dalla fine arriva anche la vittoria, targata Sears.

Il Wigan tenta di allontanarsi dalla zona che conta e almeno in casa i punti li fa. Quando poi la vittoria arriva contro il Bolton, terzultimo, i 3 punti valgono doppio. Il Newcastle invece non riesce ad uscire dalla serie nera e pareggia a Birmingham, rimanendo a soli 4 punti dalla serie B.
La panchina di Keegan è in serio pericolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>