Premier League: Si riavvicina il Chelsea

di Marco Mancini Commenta

Giornata atipica la 29esima del campionato inglese. Si è giocato in due tranche, a causa degli impegni in FA Cup, che in Inghilterra è così importante da far rinviare le partite di campionato.
E così ieri sera si è disputato il recupero della giornata con 3 scontri, più il rinvio a data da destinarsi di Manchester United-Bolton, a causa degli impegni in Uefa dei biancazzurri.

La 29esima giornata rilancia le speranze del Chelsea, che nel recupero ha strapazzato il Derby County, più che ultimo, con un punteggio tennistico. 6-1 il risultato finale con gran mattatore della serata il capitano Frank Lampard, autore di 4 gol. Forse hanno esagerato i blues nell’approfittare di un avversario evidentemente inferiore, ma forse la cattiveria agonistica che Grant gli avrà trasmesso per invogliarli a raggiungere l’Arsenal in vetta alla classifica, non gli ha permesso di avere pietà di nessuno.


Sarà come un predatore che annusa l’odore della preda il Chelsea, visto che nello scontro di domenica contro il Wigan gli uomini di Wenger hanno rallentato la loro corsa e sono stati fermati sullo 0-0. E così da esserci 8 punti di distacco 2 settimane fa, adesso ce ne sono solo 5, ma con una partita da recuperare per i blues, che potrebbero stare con il fiato sul collo dei ragazzini dell’Arsenal, parecchio in difficoltà ultimamente, visto che non vincono in campionato da un mese.
Una partita in meno ce l’ha anche lo United che, come detto, ha da recuperare lo scontro con il Bolton terz’ultimo, ma impegnato in Uefa, e che con una vittoria degli uomini di Ferguson regalerebbe il primato in solitaria ai diavoli rossi.

Nella notte di ieri valanga di gol anche per il Portsmouth che, nonostante si faccia recuperare il doppio vantaggio di Defoe dal Birmingham, riesce a trovare la forza per segnare ancora e chiudere con un 4-2 che permette agli uomini di Redknapp di sperare ancora in una qualificazione europea.
Qualificazione che invece si allontana per il West Ham che, nonostante fosse favorito e potesse sfruttare il fattore psicologico dato dal fatto che il Tottenham dovesse giocare in Uefa, si fa infilare dopo soli 8 minuti da Berbatov. La partita prende così una piega decisamente felice per gli Spurs che possono aspettare nella propria area e colpire in contropiede. Risultato finale 4-0 e Hammers ridimensionati nelle aspettative e nel morale.

Chi invece spera in qualcosa in più della qualificazione in Uefa è il Liverpool che, nonostante l’impegno del martedì successivo contro l’Inter, ottiene una partita sensazionale contro il disastroso Newcastle. Non risparmia i titolari Benitez, e fa bene, dato che sono proprio i suoi campioni che fanno 3 gol nei 10 minuti che vanno dalla fine del primo tempo all’inizio del secondo, e continuano la loro corsa per il quarto posto. Posizione che fa gola anche all’Everton che non molla, e nonostante avesse anche lui l’impegno infrasettimanale in coppa, gioca un’ottima partita in casa del Sunderland, portando a casa il quarto successo di fila.

Per gli ultimi posti per l’Europa stentano Aston Villa e Blackburn, fermati entrambi sull’1-1. Possono ringraziare l’arbitro i Villans per il rigore molto generoso che gli ha fatto pareggiare una partita che avrebbero meritato di perdere contro un ottimo Middlesborough, troppo in basso per la sua rosa. Mentre il Blackburn deve solo prendersela con la sfortuna se non riesce a superare un voglioso Fulham che però a piccoli passi cerca di tirarsi fuori dalla serie B.

In coda l’unico a tirarsi fuori veramente è il Reading che va a corrente alternata, ma con un ottimo 2-0 al Manchester City si porta a 3 lunghezze dalla zona pericolosa, dove la prima a rischiare è proprio il Bolton che ora dovrà decidere se andare avanti in Uefa o pensare solo al campionato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>