In Uefa avanti la Fiorentina, ma tante eliminazioni eccellenti

di Marco Mancini Commenta

frey

Tanta sofferenza molto spesso equivale a tanta gioia. E’ quello che avranno pensato i tifosi della Fiorentina guardando la gara con l’Everton. Le squadre inglesi, si sa, lontane dal proprio campo non rendono, ma sull’isola corrono il doppio ed è quasi impossibile batterle.
Per fortuna che all’andata gli uomini di Prandelli si sono imposti per 2-0, altrimenti adesso staremmo a raccontare tutt’altra storia.
Non c’è partita a Liverpool, l’Everton è già in vantaggio dopo un quarto d’ora con Johnson, e con Arteta dopo un’ora raggiungono il 2-0 che pareggia la situazione dell’andata. I viola non riescono a reagire e si affidano al solito grandissimo Frey che salva la baracca in due o tre circostanze, e para il rigore decisivo di Jagielka che dà la qualificazione ai quarti.

A raggiungere la Fiorentina ci sarà più di una sorpresa. Prima fra tutti lo Zenit di Sanpietroburgo che ribalta il 3-1 dell’andata del Marsiglia e, grazie alla doppietta di Pogrebnyak passa il turno. Ma sono in buona compagnia i francesi perchè di eliminazioni eccellenti ce ne sono state altre. L’Amburgo, terzo in campionato, batte 3-2 il Bayer Leverkusen, ma grazie all’1-0 dell’andata passano i rossoneri. Eliminato a sorpresa anche il Benfica di Rui Costa, che sognava la finale contro la Fiorentina, ma che si è dovuto inchinare al Getafe. Eliminazione ai rigori anche per il Tottenham, battuto dai più quotati olandesi del Psv Eindhoven, e sconfitta indolore per il Bayern Monaco in casa, a cui è bastato il 5-0 dell’andata per avere la meglio sull’Anderlecht.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>