Caspita che Palermo!

di Marco Mancini Commenta

Il Presidente Zamparini si conferma ancora una volta il dirigente più imprevedibile d’Italia. Dopo aver minacciato svariate volte di consegnare la squadra nelle mani del sindaco della città di Palermo, è subito tornato in campo, e sbollita la rabbia, ha ancora una volta messo mano al portafoglio, e investito in una squadra che, dopo un anno di riflessione, fa di tutto per tornare in Europa.

La cessione di Amauri è stato solo il preludio alla rivoluzione rosanero, perchè sia in entrata che in uscita, la porta del Palermo è sempre aperta, e continuano a cambiare le cose di giornata in giornata. L’ultima novità è l’ufficializzazione del passaggio di Amelia in rosanero. Non poteva giocare in B il secondo portiere della Nazionale, e così Zamparini ha subito approfittato della retrocessione del Livorno per accaparrarsi uno dei migliori portieri d’Italia.


Ma non solo in quel reparto il Palermo si è rafforzato. Vi avevamo già raccontato dell’ufficializzazione dei due nuovi acquisti, Liverani e Raggi, presentati pochi giorni fa. E già così, sarebbe stato sufficiente. Ma Zamparini non è contento, e per riportare la sua squadra in Europa ha messo un colpo di fila all’altro, creando una squadra davvero temibile.

Ufficiale ormai il passaggio di Nocerino e Lanzafame nella trattativa per Amauri. Il centrocampista andrà a comporre con Liverani una coppia centrale di primordine, e il talento ex Bari punterà alla sua consacrazione come una delle migliori promesse del nostro calcio. Il primo colpo, in ordine di tempo, è avvenuto in difesa, con un’altra scommessa: Simon Kjaer, difensore danese di soli 19 anni che ha già fatto tutta la trafila delle nazionali, dall’Under 18 all’Under 19 fino all’attuale Under 21, insomma un ragazzo da tenere d’occhio. Ma in difesa non si considera tutto chiuso così. Infatti ufficializzato l’addio di Barzagli, per sostituirlo si fanno sempre più insistenti le voci su Loria, il centrale del Siena, che ha dichiarato di non volerci pensare due volte se avesse l’opportunità di andare a giocare a Palermo, ammettendo anche l’interessamento della società per il suo cartellino. Se non dovesse arrivare lui, c’è sempre in sospeso Cesare Bovo, in comproprietà col Genoa. Le buste si apriranno solo dopo il 22 di giugno, e la possibilità che il centrale torni a Palermo è molto alta.

Facendo un passo in avanti arriviamo a centrocampo, dove oltre i due centrali già descritti, sembra molto interessante la situazione di Behrami. L’ala svizzera lascerà sicuramente tra qualche settimana la Lazio, da cui si svincolerà per le clausole Uefa, e Zamparini ha accennato ad un suo interessamento, anche perchè dovrà sostituire il sicuro partente Bresciano, probabilmente destinato verso il Fulham.

Ancora un passo in avanti e ci troviamo in attacco. Qui è già stato ufficializzato l’arrivo di De Melo che sostituirà Amauri, ma a Palermo non sono soddisfatti. Pare infatti che Cavani non sia contento di avere poco spazio, e quindi probabilmente partirà dalla Sicilia, non si sa per quale destinazione. In fase di entrata allora si aprono buone prospettive per l’arrivo di Floccari, che piace molto al presidente che ha dichiarato che tra qualche giorno diventerà un calciatore del Palermo. In alternativa ci sono due possibilità. La più probabile si chiama Budan, in comproprietà con il Parma, a cui proprio Zamparini quest’anno ha fatto spesso riferimento. La seconda potrebbe avere del clamoroso, e si chiama David Suazo. L’ex eroe del Cagliari ha trovato pochissimo spazio nell’Inter, e potrebbe trovarne ancora meno con l’arrivo di Mourinho. Così il Palermo si è fatto vivo, lasciando capire che se non dovesse costare tanto, l’offerta potrebbe arrivare a breve. Staremo a vedere, ma intanto il Palermo già così fa paura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>