36^ giornata: nessun verdetto

di Gioia Bò Commenta

Eh si, sarebbe stato bello festeggiare lo scudetto in uno stadio completamente vestito di rossonero, davanti ai nemici storici che da anni non godono della stessa gioia. E invece la 36^ giornata di campionato ci regala la vittoria del Milan ed ora, a due turni dal termine, le gambe cominciano a tremare.

Alla fine l’Inter riuscirà a conquistare il tricolore, ma ora la Roma è a soli 3 punti ed il calcio ci ha insegnato da tempo che non sempre si verifica il risultato più scontato.

Campionato ancora aperto, dunque, grazie ai gol di Inzaghi e Kakà e ad una gara giocata decisamente meglio dagli uomini di Ancelotti, nonostante le ottime occasioni sprecate da Crespo e compagni. Il gol di Cruz riaccendeva le speranze nerazzurre, ma alla fine l’Inter ha dovuto rinunciare al sogno di vincere il titolo con due giornate di anticipo e sotto gli occhi dei cugini.


Intanto la Roma soffriva a Genova, contro una Sampdoria in corsa per la Champions League e convinta di poter fare bene contro i giallorossi. E per un’ora i blucerchiati hanno giocato un’ottima gara, rischiando più volte di passare in vantaggio, mancato solo per imprecisione e sfortuna. Poi però sono calati e la Roma ne ha approfittato andando a segno per ben tre volte. Punti preziosi che le consentono ancora un pizzico di speranza, finché non ci sarà la matematica a dar ragione all’Inter capolista, e al tempo stesso le garantiscono il secondo posto ormai certo, grazie alla sconfitta della Juve a Siena.

Passo falso della Fiorentina, che dopo la semifinale di Coppa Uefa, persa contro i Glasgow Rangers, non riesce a ritrovare il ritmo campionato e lascia strada ad un Cagliari ambizioso, perdendo anche il quarto posto a beneficio del Milan. Per i sardi altre punti d’oro nella lotta per salvezza, che solo un paio di mesi fa sembrava irraggiungibile.

Domenica ancora amara per la Lazio: solo nel finale si è vista raggiungere e superare da un Palermo che forse non meritava di vincere. Ancora decisivo Amauri autore di una doppietta.

Punti pesanti per il Torino vittorioso 2-1 contro il Napoli, in una gara non priva di polemiche, soprattutto per il rigore concesso ai granata sullo 0-0. Passo avanti anche per la Reggina, grazie al 2-1 in casa del Catania (ora inguiato), e per il Parma, che lascia il penultimo posto in classifica, battendo il Genoa.

Sfortunato l’Empoli che perde in casa per una papera di Balli su tiro di Quagliarella e per un rigore fallito da Giovinco. Anche due pali per i toscani a completare una giornata decisamente no.

Guai grossi per il Livorno, battuto dall’Atalanta dopo essere riuscito a recuperare due gol di svantaggio: a questo punto per restare nella massima serie servirebbero un paio di miracoli.

E per i verdetti aspettiamo la prossima domenica!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>