Un super Del Piero umilia il Real. Alla Fiorentina non basta Mutu

di Gioia Bò 8

Il cronometro segnava il minuto 92 quando Ranieri richiamava in panchina Alex Del Piero nell’inferno di un Santiago Bernabeu tanto caro agli italiani, che proprio qui vissero una delle notti più belle della storia, sollevando la terza Coppa del Mondo.

All’epoca il capitano bianconero aveva solo 8 anni e forse non immaginava che proprio questo stadio gli avrebbe tributato un appaluso così lungo e fragoroso al momento dell’uscita dal campo dopo una prestazione, come al solito, eccellente.

Due chicche del numero 10 regalano alla Juventus una vittoria che mancava dal 1962 e la trascinano alla fase successiva con due giornate di anticipo. A 34 anni suonati non si potrebbe chidere di più ad un calciatore che sembra non risentire del passare del tempo ed ogni anno ritrova energie insospettabili.

Cos’altro dire della partita? Il Real Madrid ha provato a non arrendersi all’armata bianconera, proponendo anche qualche azione che ha messo i brividi al reparto arretrato. Ma la mira imprecisa dei vari Sergio Ramos, Drenthe e Diarra ha regalato alla Vecchia Signora una delle più belle serate di questo inizio stagione. Agli spagnoli non resta che recriminare su qualche azione sospetta in area bianconera, ma non c’è alcun dubbio che la Juve abbia meritato ampiamente la vittoria.

Avrebbe meritato anche la Fiorentina, opposta tra le mure amiche al Bayern Monaco, ma come al solito ci ritroviamo a parlare di una squadra che crea molto e non finalizza abbastanza.

La gara sembrava mettersi in discesa, quando Mutu a dieci minuti dal fischio d’inizio infilava la porta tedesca dopo un’azione di Zauri sulla fascia destra. Poi arrivavano le occasioni per Gilardino, ma stavolta l’ex milanista ha difettato in precisione ed il primo tempo finiva così con un solo gol di vantaggio.

Nella ripresa era ancora la Fiorentina a comandare il gioco con una serie di ottime opportunità non sfruttate dal duo d’attacco. Ed alla prima occasione buona, i tedeschi hanno colpito con Borowski, lasciato libero di infilare Frey da posizione centrale. Ora il discorso qualificazione si fa estremamente complicato per i viola, che ora vedono scappare Lione e Bayern con 8 punti.

Commenti (8)

  1. ops… l’ho appena tolto dalla mia fantasquadrabetter… ma possibile che alex si svegli solo in champions…

  2. Beh direi di no… Prova a chiedere a Doni, ad esempio 🙂

  3. sì, hai ragione, forse mi sono espresso male: anche con la roma, insomma nelle partite serali, nei big match, però magari non nell’arco di tutta la stagione.

  4. Abbi fede Driblo, ricorda che Del Piero è il capocannoniere della scorsa stagione. E comunque stiamo sempre parlando di un “ragazzo” di 34 anni… è normale che ogni tanto si prenda qualche momento di “relax” 🙂

  5. beh mi sa che hai definitivamente ragione tu:me lo ripiglio al volo nel fantacalcio better… anche ieri super prestazione con gol. Meno male che nella versione skill posso fare nove cambi ogni turno, speriamo di riuscire a recuperarlo…

  6. In bocca al lupo Driblo 🙂

  7. super alex sei fortissimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>