Euro 2013 Under 21, l’Italia accede alla fase finale

di Gioia Bò 2

L’Under 21 di Devis Mangia continua a farsi valere in campo internazionale e conquista l’accesso alla fase finale degli europei di categoria del prossimo anno. Lo spareggio contro la Svezia era tutt’altro che facile considerando il vantaggio con il minimo scarto conquistato nella gara di andata (1-0). Ma gli azzurrini hanno ampiamente dimostrato di volere la fase finale di Euro 2013, giocando un ritorno all’arrembaggio.

Nella prima frazione di gioco il trio delle meraviglie Insigne-Florenzi-Immobile sfiorava la rete del vantaggio in numerose occasioni, ma non riusciva ad infilare il portiere avversario. La Svezia rispondeva con acuti sporadici, ma molto pericolosi. Il vantaggio dei nostri arrivava al minuto numero 23 della seconda frazione di gioco, quando Insigne riceveva da Frascatore e lasciava partire un tiro dal limite dell’area, che finiva sotto la traversa.

Passavano tre minuti e l’Italia consolidava il vantaggio, allorché Marrone trovava lo spazio per servire Florenzi, che in diagonale batteva ancora Johnsson. La Svezia non ci stava e cercava la rimonta disperata. Correva il minuto numero 73, quando Ishak batteva Bardi, mentre al 77′ arrivava il pareggio di Hiljemark. Gli svedesi a quel punto credevano nel sogno-qualificazione e si presentavano pericolosamente davanti alla porta azzurra.

Ma al minuto numero 86 era Immobile a regalare all’Italia l’accesso alla fase finale di Euro 2013, quando si involava verso la porta avversaria ed infilava il portiere con un pallonetto. 2-3 il risultato finale, con l’Italia che prepara la valigia in vista di Israele 2013, mentre la Svezia dice addio al sogno europeo. Mangia è soddisfatto per il raggiungimento dell’obiettivo:

Ovviamente sono felice per la qualificazione, ma anche per la prestazione. Siamo venuti qui a giocarci la partita senza mai chiuderci o difendere il risultato dell’andata. Abbiamo mollato un po’ dopo il 2-0 permettendo alla Svezia di rientrare in partita, che siamo stati poi bravi a chiudere nel finale. Questo traguardo è innanzitutto per i ragazzi, che sono stati eccezionali. Lo dedico però anche a me stesso e al mio staff, ce lo siamo meritati. Per me hanno sempre pagato il lavoro ed il campo. Questa nazionale la sento mia da quando sono arrivato.

[Photo Credits | Getty Images]

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>