St. Jakob Park: lifting a tempo di record!

di Gioia Bò Commenta

Gli Europei in corso di svolgimento ci hanno offerto la possibilità di scoprire stadi di cui ignoravamo persino l’esistenza, vista la scarsa importanza a livello continentale dei campionati dei paesi ospitanti.

Qualche tempo fa vi abbiamo proposto un mini giro turistico tra gli impianti svizzeri e austriaci, tessendo le lodi degli organizzatori, che sono riusciti in breve tempo a dotare le varie città di strutture all’altezza della situazione.

A quanto pare, però, non tutti hanno fatto i conti con le piogge torrenziali che si sono abbattute nel centro Europa nei giorni scorsi e che hanno condizionato lo svolgimento di alcune gare. Anzi, di una in particolare, che vedeva impegnata la squadra di casa contro la Turchia al St Jakob Park, in quel di Basilea. Lo spettacolo è stato pietoso e, soprattutto nel primo tempo, il campo era al limite della praticabilità, con la palla che faceva fatica a rimbalzare. Un bel problema, visto che il campo in questione è stato scelto per ospitare due quarti di finale ed una semifinale, con il rischio di penalizzare le squadre più tecniche. Ed è per questo che subito dopo la gara tra Svizzera e Turchia si è provveduto alla rizollatura completa del terreno di gioco.


Trasportato da ventisei camion refrigerati, il nuovo manto è arrivato direttamente dall’Olanda, pronto per essere posizionato a tempo di record sul rettangolo di gioco.

Ed i risultati sono stati immediati. Già ieri sera è stato battezzato in occasione della gara tra Portogallo e Germania, che hanno giocato gran parte dei novanta minuti sotto una pioggia battente.

Ebbene, il lifting era evidente anche per un occhio poco esperto, presentando delle chiazze più scure ben visibili, ma da quanto si è potuto verificare ha retto abbastanza bene, nonostante la pesantezza.

meglio così, perché sarebbe stato un vero peccato per uno stadio da quattro stelle, fiore all’occhiello dell’architettura svizzera, perdere parte del proprio fascino, a causa di una scelta sbagliata del manto erboso.

La speranza è che tra oggi e domani il maltempo conceda una tregua, in vista della gara tra Olanda e Russia, valida anch’essa per i quarti di finale.

I giardinieri saranno pure veloci, ma in così poco tempo sarebbe impossibile, provvedere ad un nuovo lifting totale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>