Vito Mannone: una giovane promessa all’Arsenal

di Gioia Bò 1

Portieri sempre più in prima pagina in questo periodo di calcio più parlato che giocato (almeno in Italia, dove il campionato aspetta di riprendere dopo le festività natalizie).

Dopo il caso-Dida che continua far discutere e necessita di una soluzione a breve termine e dopo la richiesta del Barcellona, in cerca di un numero 12 da affiancare a Victor Valdes, ecco spuntare il nome di una giovane promessa italiana, Vito Mannone. Copertine tutte per lui in Inghilterra, dopo la firma con l’Arsenal che lo ha ingaggiato in qualità di terzo portiere, con un contratto di 4 anni.

Il giovane italiano, prima di firmare il contratto, ha voluto rassicurazioni precise sul suo futuro, per non rischiare di diventare la quarta scelta.


Ne fa le spese Jens Lehmann, che non gode più della fiducia della società e che a questo punto è sul piede di partenza, destinazione Borussia Dortmund o Barcellona.

Strada spianata quindi per Mannone, scoperto dai Gunners nel 2004, durante il Trofeo Beppe Viola ad Arco di Trento. In quel periodo giocava con le giovanili dell’Atalanta e fece una così buona impressione sugli osservatori che l’Arsenal decise di non lasciarselo sfuggire, pagandolo 350.000 sterline (non male per un 17enne!).

Ora vive a Enfield Chase, con la mamma -che lo ha seguito in Inghilterra- e indossa la maglia numero 55 in onore del papà morto nel 2004, proprio all’età di 55 anni. Per lui anche un prestito al Barnsley, dove però non brillò particolarmente e, dopo un infortunio al ginocchio, tornò a Londra per restarci. Finora ha collezionato tre panchine in prima squadra, ma la società punta molto su questo giovane talento, destinato a far parlare di sé.

Dopo Carlo Cudicini e Daniele Padelli è il terzo portiere italiano che veste la maglia di una squadra inglese.

Del resto, da quelle parti lo sanno che l’Italia è patria di grandi portieri!

Commenti (1)

  1. Veramente anche taibi ha giocato in inghilterra nel manchester…e sicuramente se lo ricordano bene da quelle parti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>