Josè Mourinho: nessuno come me!

di Gioia Bò 1

Silurato dal Chelsea e disoccupato di lusso, Josè Mourinho sembra aver speso bene il tempo libero dovuto all’inattività. Lo immaginavamo seduto accanto al telefono ad aspettare una chiamata e invece stava preparando la sua personale vendetta contro gli illustri colleghi. Lo fa con un libro, “Born Winner”, in cui si lascia andare a dichiarazioni poco simpatiche sull’operato degli allenatori di Manchester United, Liverpool ed Arsenal.

Voi non diventerete mai speciali come me!

Questo il messaggio lanciato a Sir Alex Ferguson, Arsene Wenger e Rafa Benitez e, la cosa potrebbe far sorridere, considerando che l’Inghilterra a livello di club è al momento la nazione sul tetto d’Europa. Da dove arriva tanta sicurezza ed arroganza? Mourinho fa parlare i numeri e fa notare che su 100 gare la sua squadra ha conquistato il 70% di vittorie, mentre l’Arsenal si è fermato a 50 e Ferguson ancora meno. Ma non è finita qui.


Nella storia della Premier League io sono il primo allenatore che ha trionfato alla sua prima stagione. Quanti anni sono stati necessari a Ferguson e Wenger per conquistare il loro primo campionato? Cinque. Questo significa che sono un allenatore migliore di Ferguson e Benitez? No. Ma al tempo stesso non sono peggio di loro. Forse ho vinto troppo presto e a volte mi sento vittima del mio stesso successo.

E non provate a fargi notare che Abramovich ha speso fior di milioni per arrivare alla conquista di due campionati, perché il buon Mourinho non ci sta e ricorda che Rio Ferdinand, ad esempio, è costato 33 milioni di sterline e che che Benitez ha avuto a disposizione 70 milioni di sterline per allestire la campagna acquisti e non è mai riuscito a trionfare in Premier League.

E quello che più infastidisce il portoghese è che i suoi colleghi non vengano mai messi in discussione, mentre i tabloid si sono scatenati contro di lui, annunciando questo o quel sostituto:

Non avevamo ancora perso nulla, eppure sulla stampa era un susseguirsi di candidati, ho contato almeno 14 tecnici che dovevano prendere il mio posto.

Che dire? Può essere simpatico o meno, gli si può rimproverare una certa invidia, visti risultati ottenuti in Champions dai suoi illustri colleghi, ma, numeri alla mano, non ha poi tutti i torti. Basti ricordare che il Chelsea con lui in panchina ha vinto 10 gare su 19 contro Manchester, Liverpool e Arsenal, perdendone appena due. Nato vincente? Lo scopriremo alla sua prossima avventura, magari su una panchina italiana!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>