Immobile e Insigne, una coppia mondiale

di Alba D'Alberto Commenta

Il Brasile è innamorato di Mario Balotelli e una sagoma di cartapesta di 2 metri dell’attaccante italiano, sfila in questi giorni accanto a quella di Pelè e di Papa Francesco. Sul campo, però, la storia è un’altra ed è scritta da Insigne e Immobile.

Due ragazzi lanciati dal buon Zeman a Pescara ed ora più che mai pronti per vestire la maglia azzurra dopo le esperienze di Ciro Immobile al Genoa e al Torino e di Insegne al Napoli. Dopo aver fatto bene in Abruzzo i due attaccanti hanno faticato ad esprimersi con le nuove squadre. Eppure adesso lanciano messaggi inequivocabili a Prandelli.

Il CT azzurro è ancora indeciso sulla struttura della squadra che dovrà esordire con l’Inghilterra il 14 giugno: non sa se costruire una squadra Balo-centrica oppure se dare spazio alle nuove leve, Insigne e Immobile, aprendo il campo anche a Cassano.

Intanto l’amichevole con il Fluminense in Brasile fa registrare una tripletta di Immobile, una doppietta di Insigne e tantissimi assist. La partita, per la cronaca (visto che è saltata la diretta RAI), è finita con la vittoria dell’Italia per 5 reti a 3.

Immobile che nella prossima stagione sarà la stella del Borussia Dortmund, ha spiegato che per lui che è un attaccante valgono anche i goal fatti in allenamento. Un messaggio chiaro a Prandelli che con queste performance va in crisi.

Insigne, da parte sua, si sente molto sotto esame visto che fino all’ultimo giorno è stato incerto il suo inserimento nella lista dei 23 di Prandelli come lo stesso Verratti. La sua partecipazione si è sbloccata soltanto dopo l’amichevole con l’Irlanda che ha deciso la fine dei giochi azzurri per Giuseppe Rossi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>