Crisi Inter, Moratti mette in dubbio il futuro di Stramaccioni

di Gioia Bò Commenta

L’Inter si risveglia bruscamente dei sogni di gloria e comincia a fare il punto di una stagione per certi versi imbarazzante. Vero è che gli obiettivi di inizio stagione viaggiavano su una quota molto bassa, ma è vero anche che l’appetito vien mangiando e dalle parti della Pinetina ci si augurava qualcosa di meglio dalla stagione della ricostruzione. Il primo ad essere deluso è il patron Massimo Moratti, che abbandona la calma ed alza la voce, minacciando una rivoluzione a fine anno, a partire dalla guida tecnica.

La sconfitta interna contro il Bologna non è altro che la punta di un iceberg, visto che i problemi dell’Inter hanno ragioni molto più lontane e profonde. La colpa potrebbe non essere tutta di Stramaccioni, ma allo stato delle cose è proprio l’allenatore romano a finire sulla graticola ed a beccarsi la sfuriata del patron:

Ieri col Bologna c’è stata una specie di collasso, nel primo tempo specialmente. Una grande delusione, ma serve essere freddi nel valutare. Bisogna ricaricare morale e fisico. Il fare sempre male i primi tempi non credo sia fatto apposta, forse i giocatori entrano in campo con timore. Buttare via un tempo ogni gara è abbastanza grave. Branca dice che sarà ancora un’Inter con lui e Stramaccioni? Sono d’accordo, ma decido io. Se tutto rimane così, ma con risultati diversi, si può andare avanti.

Il destino di Stramaccioni è legato esclusivamente ai risultati, alla faccia del progetto tanto sbandierato fino a qualche settimana fa. L’Inter è ancora in corsa su tre fronti, ma potrebbe ritrovarsi con un pugno di mosche di qui a giugno. Difficile rimontare il 2-1 nella seminale di Coppa Italia contro la Roma, quasi impossibile ribaltare lo 0-3  contro il Tottenham, mentre in campionato la quinta posizione potrebbe non bastare per agganciare il treno europeo. A Stramaccioni il compito di centrare almeno un obiettivo per salvare la stagione dell’Inter, ma anche la sua panchina.

[Photo Credits | Getty Images]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>