Bayern Monaco – Chelsea 1-1, inglesi campioni ai rigori

di Giovanni Ferlazzo 9

Finale Champions League 2012
Stadio Allianz Arena di Monaco

Bayern Monaco – Chelsea 1-1 d.t.s. 3-4 ai calci di rigore

Reti: 38′ st Muller (B); 43′ st Drogba (C)

Sequenza rigori: Lahm (B) gol; Mata (C) parato; Gomez (B) gol; David Luiz (C) gol; Neuer (B) gol; Lampard (C) gol; Olic (B) parato; Cole (C) gol; Schweinsteiger (B) palo; Drogba (C) gol.

Si chiude questa sera la Champions League 2012. Bayern Monaco e Chelsea si affrontano all’Allianz Arena per contendersi la coppa dalle grandi orecchie. Un atto finale forse inaspettato alla vigilia, quando tutti si attendevano la resa dei conti tra le grandi di Spagna, Real Madrid e Barcellona. E invece, ecco il sorprendete Chelsea di Di Matteo e i bavaresi, che hanno l’occasione più unica che rara di giocarsi la coppa più importante nello stadio di casa.

Jupp Heynckes non sorprende e schiera il tradizionale 4-3-2-1 con Robben, Muller e Ribery a supporto dell’unica punta Gomez. Di Matteo, che deve affrontare diverse assenze importanti, decide di dare fiducia a Bertrand, classe ’89, al posto di Malouda. Unica punta Drogba, supportata da Kalou, Mata e, appunto, Bertrand.

MURO CHELSEA – Non è una bellissima partita quella che nel primo tempo si presenta agli spettatori dell’Allianz Arena. Il Bayern padrone di casa tiene in mano il pallino del gioco ma non riesce a sfondare. Merito della solida organizzazione difensiva dei londinesi, la stessa che si può dire ha costretto all’eliminazione in semifinale dei campioni in carica del Barcellona. Il Chelsea insomma raramente si vede dalle parti di Neuer, ma anzi è spesso costretto a gestire con affanno le iniziative degli avversari. Impreciso e sfortunato però il Bayern, che spreca limpidissime occasioni ma colpisce anche un incrocio dei pali. All’intervallo si va sullo 0-0.

TUTTO NEL FINALE – La musica non cambia nella ripresa. Il Bayern Monaco fa la partita, il Chelsea attende compatto nella propria trequarti tentando di subire il meno possibile e colpire e contropiede. I padroni di casa raccolgono calci d’angolo e buone occasioni, ma non sono mai capaci ancora di sfruttare quanto creato. Manca fortuna sì, ma anche la giusta concretezza e decisione dalle parti di Cech.

Nel finale però succede di tutto. Al trentottesimo, cross dalla sinistra che va a trovare Muller il quale dall’area piccola batte a sorpresa Cech con un forte colpo di testa. L’Allianz Arena e i giocatori del Bayern esplodono di gioia e possono già sfiorare la loro quinta Champions League. Non avevano fatto i conti però con il cuore e l’orgoglio di una squadra immortale come il Chelsea di Di Matteo. Mancano due minuti alla fine, ed arriva il primo corner della partita per gli ospiti. Battuta dalla destra, sbuca Drogba che di testa sorprende tutti e batte Neuer. È l’incredibile 1-1 che porta la finale ai supplementari.

RAMMARICO ROBBEN – Nei trenta minuti extra non succede praticamente nulla. Vince la stanchezza, ma è grossissima l’occasione sprecata da Robben al quinto del primo tempo supplementare, quando si fa parare un calcio di rigore da Cech concesso per fallo di Drogba su Ribery. Unico vero sussulto di un extra time poco divertente, che porta il Chelsea alla seconda finale ai rigori nel giro di quattro anni.

DECISIVO DROGBA – Ai rigori per il Bayern sono fatali gli errori di Olic e Schweinsteiger. Drogba non sbaglia il rigore decisivo. Il Chelsea è Campione d’Europa.

Roberto di Matteo alza la coppa: il Chelsea è campione d'Europa

Photo credits | Getty Images

Commenti (9)

  1. se solo napoli non avesse sbagliato quel quarto gol tirato da maggio e salvato sulla linea da cole.cole e uno dei piu bravi difensori che ho visto in circolazione.bravo chelsea che ha battuto bayern nella loro stadio,chelsea se lo merita la coppa giocando anche senza un paio di titolari.

  2. Infatti pero il Chelsea è una grande squadra e se lo meritava@ ciro alvino:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>