Juventus-Milan 3-2: l’Europa che conta non è per tutti!

di Gioia Bò Commenta

Qualche anno fa rappresentavano la più bella della serie A e facevano impazzire le difese di mezza Italia con gol a raffica. Ieri sera Filippo Inzaghi ed Alex Del Piero si sono ritrovati contro, in cerca entrambi di far bene per la causa delle rispettive squadre. Causa che nello specifico si chiama Champions League.

Lo aveva chiesto a gran voce Ranieri nelle dichiarazioni della vigilia, auspicando una reazione d’orgoglio dopo la gara di domenica con il Palermo, in cui la Juve ha raccolto meno di quanto seminato, specie nel secondo tempo, giocato veramente da grande squadra.

Il Milan, da parte sua, cercava la vittoria per restare attaccato al treno del quarto posto e recuperare terreno nei confronti della Fiorentina, impegnata stasera contro l’Inter. Alla resa dei conti, i bianconeri hanno incamerato i tre punti e, a meno di un cataclisma, dovrebbero aver ottenuto la terza piazza. Sfumano invece i sogni del Milan che ora deve sperare nei cugini nerazzurri, se non vuole veder allontanarsi i diretti avversari. Ma veniamo ai dettagli della gara di ieri sera.


Pronti via e la Juve si ritrova in vantaggio, grazie al capitano che riceve da Camoranesi ed infila da posizione defilata. La gioia del gol dura solo un paio di minuti e ci pensa Superpippo, imbeccato da Kakà, a rimettere il risultato in parità.

Lo spettacolo del primo tempo continua con occasioni da una parte e dall’altra e nel giro di un quarto d’ora il punteggio potrebbe cambiare ad ogni attacco sui due fronti. Chiellini e Grygera mettono i brividi a Kalac, mentre dall’altra parte ci pensa il solito Kakà ad impensierire Buffon.

Niente di fatto comunque fino alla mezz’ora, quando ancora Inzaghi si trova a tu per tu con il numero uno bianconero, dopo un’azione Ambrosini-Bonera: tocco comodo ed è la rete del 2-1. Un’altra azione del brasiliano Pallone d’Oro potrebbe chiudere definitivamente i giochi, ma Buffon si fa trovare pronto e para in due tempi. Ma la Juve non sta a guardare. Del piero recupera un pallone che sembrava perso sulla linea laterale, imbecca Camoranesi che serve al centro Trezeguet: colpo di testa e respinta del portiere, ma c’è pronto Salihamidzic che insacca. Il tempo si chiude sul 2-2.

Meno spettacolare la ripresa con un paio di buone occasioni per gli uomini di Ranieri, ma il risultato sembra voler restare in parità. Ci pensa l’arbitro Rocchi ad assegnare una punizione contestata ai bianconeri, sugli sviluppi della quale Del Piero pesca Salihamidzic: colpo di testa e definitivo 3-2.

La Juve c’è, il Milan è rimandato ancora una volta, in questo altanelante finale di stagione ed ora deve sperare nei risultati altrui se non vuole perdere il treno per l’Europa che conta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>