Grazie Udinese!

di Gioia Bò Commenta

L’onore dell’Italia è salvo: finalmente una compagine nostrana è riuscita a tirar fuori i denti e a dimostrare all’Europa intera che il calcio del Belpaese non è proprio da buttare. L’Udinese torna dalla fredda Madre Russia con la qualificazione in tasca, la prima per il club friulano ai quarti di finale di una competizione europea.

E dire che di fronte aveva i campioni in carica dello Zenit St. Pietroburgo, che solo un anno fa mettevano paura a mezza Europa e che in fase di sorteggio sembravano aver scritto la parola fine sui sogni dell’Udinese. E invece il diavolo non è poi così brutto come lo dipingono e già dalla gara di andata avevamo avuto la sensazione che l’impresa fosse possibile.

Lo Zenit non è più lo squadrone di un tempo e solo la sfortuna aveva impedito agli uomini di Marino di uscire dal Friuli con un bottino ben più consistente. 2-0 è un risultato che mette (quasi) al sicuro da brutte sorprese, ma nel calcio non si sa mai… Stavolta però i bianconeri sono stati attenti, seguendo alla lettera le indicazioni di mister Marino e tornando a casa con la qualificazione.

Peccato solo che la squadra non sia riuscita a concretizzare, sbagliando troppo dalle parti di Malafeev e lasciando ai russi la possibilità di crederci fino in fondo. Per fortuna gli uomini di Advocaat sono riusciti a centrare la porta in una sola occasione (a parte il tiro respinto con la mano da D’Agostino). Per ora va bene così, possiamo anche accontentarci, ma è chiaro che già dalla prossima gara l’Udinese deve dimostrare qualcosa in più in fase realizzativa, se non vuole finire come la Fiorentina (un’altra che crea molto e sbaglia ancor di più).

Applausi comunque ai bianconeri, orgoglio d’Italia, in attesa del sorteggio di Nyon all’ora di pranzo, quando conosceremo il nome della prossima avversaria. Grazie ragazzi, avanti così!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>