Roma, Venditti si riprende l’Inno

di Gioia Bò 4

Le gare interne della Roma potrebbero non essere più accompagnate dal celebre inno cantato da Antonello Venditti. A chiedere di interrompere la storia d’amore tra Roma Roma (o meglio, Roma – non si discute, si ama) ed il pubblico giallorosso è lo stesso cantautore romano, visibilmente deluso per la situazione che ha portato la sua Roma  lontana dal calcio che conta.

Le note di Roma Roma risuonano nello Stadio Olimpico in occasione delle gare casalinghe dei giallorossi, poco prima della lettura delle formazioni. A fine gara, poi, i tifosi possono sgolarsi in un “Grazie Roma”, altro grande successo del tifoso doc. Ma ora il cantante chiede che i suoi testi vengano cancellati dal “cerimoniale”:

Sinceramente mi piacerebbe che l’inno lo togliessero, perché non è più identificativo della Roma che conoscevo io.

La polemica è palesemente aperta e la dirigenza è chiamata a dare delle risposte, non solo a Venditti, ma a tutto il popolo giallorosso.

[Photo Credits | Getty Images]

Commenti (4)

  1. Dalla pagina ufficiale di Antonello Venditti:”Cari romani, romane, romanisti e romaniste di tutto il mondo,
    voglio rassicurarvi sulle mie parole e sul mio pensiero rispetto agli Inni per la nostra amata Roma!
    La mia voleva essere una forte provocazione per spronare il presidente ed i dirigenti a riportare l’AS Roma alla nostra cultura, rendendola più simile nei contenuti e nei risultati alla nostra grande storia di tifo calcistico, di sportivitá e di amore.
    Sempre orgoglioso di essere con voi, uno di voi….per sempre!
    Gli Inni sono nel cuore e non appartengono più all’autore, ma ad ognuno di noi.
    Forza Roma.
    Antonello”

    1. probabilmente gli sono arrivati troppi insulti e ha fatto marcia indietro 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>