Che Italia ieri sera!Portogallo battuto 3 a 1

di Aurelinho Commenta

E’ finita col risultato di 3 reti ad 1 la partita amichevole disputatasi a tra Italia e Portogallo sul neutro di Zurigo, nella terra che ospiterà il prossimo Campionato Europeo.
Donadoni schiera gli azzurri con un 4-3-2-1, Amelia tra i pali, Zambrotta, Cannavaro, Barzagli e Oddo in difesa, De Rossi, Pirlo, Ambrosini a centrocampo, Di Natale e Palladino dietro l’unica punta Toni.
Felipe Scolari risponde con un 4-2-1-3, mettendo in campo Ricardo, Bosingwa, Ricardo Carvalho, Bruno Alves, Caneira, Petit, Maniche, Deco, Queresma, Makukula e Cristiano Ronaldo.



L’Italia parte benissimo, e al 5’ passa con un gran goal di Pirlo, annullato per un fallo di mano dubbio del numero del centrocampista milanista. Si fa male Zambrotta al 30’, che lascia il terreno di gioco lasciando spazio a Fabio Grosso, che occupa il suo solito posto alla sinistra dei due centrali di difesa. Ed è proprio su un errore del difensore ex Inter che il Portogallo ha l’occasionissima del vantaggio, ma Queresma spreca il contropiede servendo in maniere imprecisa Cristiano Ronaldo. Pochi secondi dopo, sempre Grosso, va via sulla sinistra e mette in area un pallone sul quale si fionda il solito Luca Toni, che in scivolata da due passi mette a segno il suo 15esimo goal in maglia azzurra, rete che arriva al 46esimo del primo tempo, e che permette ai campioni del mondo di andare a riposo in vantaggio.
Gli azzurri cominciano bene anche alla ripresa, già al 4’ minuto sfiorano il raddoppio ancora con Toni che però si vede parare dal piede di Ricardo un tiro da ottima posizione, con la palla che finisce in calcio d’angolo. Ed è proprio da questo corner che nasce il raddoppio dell’11 di Donadoni: una serie di batti e ribatti favorisce la conclusione al volo da fuori area di Pirlo, che subisce la deviazione abbastanza casuale di Cannavaro mettendo fuori causa Ricardo, con palla che sbatte sul palo e poi s’infila in rete per il 2 a 0.
Il Portogallo sembra inibito dalla compattezza dell’Italia, e si limita soltanto a qualche sterile azione individuale di Cristiano Ronaldo, ma non riesce mai ad avvicinarsi ad Amelia, anzi è Palladino ad andare vicino al goal, colpendo la traversa al 19’.

Al 31’ Queresma lasciato solo in area accorcia le distanze con un potente destro, ma le speranze di un pareggio durano poco per i portoghesi. Al 33’ Quagliarella sostituisce Palladino, che appena entrato segna il terzo goal azzurro anticipando in spaccata Ricardo dentro l’area piccola.

Un 3 a 1 che lascia ben sperare per gli imminenti Europei, una squadra compatta che si è comportata bene sotto tutti gli aspetti. Da appassionati e da italiani, non possiamo che sognare un’Italia così tra qualche mese, quando le amichevoli lasceranno spazio a partite che assegnano un titolo importante, come quello di Campioni d’Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>