Udinese – Napoli 2-2, rimonta partenopea

di Giovanni Ferlazzo 3

Posticipo 28a giornata Serie A
Stadio Friuli di Udine

Udinese – Napoli 2-2

Reti: 28′ pt Pinzi (U); 7′ st Di Natale (U); 36′ st e 40′ st Cavani (N)

Udinese e Napoli si giocano il posticipo domenicale della ventottesima giornata di Serie A. Due squadre reduci da delusioni in formato europeo: i partenopei hanno subito la rimonta del Chelsea in Champions League, mentre i bianconeri non sono riusciti a ribaltare il risultato di 2-0 contro l’AZ Alkmaar in Europa League. Una partita tra due squadre che hanno dimostrato di saper giocare bene a calcio, e che mette in palio una buona fetta delle speranze di terzo posto per entrambe le compagini.

Guidolin schiera la coppia d’attacco formata da Fabbrini e Di Natale. Mazzarri si affida al duo CavaniPandev, con Dzemaili nel ruolo di trequartista. Riposo per Lavezzi e Hamsik.

UDINESE CINICA – Primo tempo piuttosto gradevole quello del Friuli. Le due squadre, consapevoli dell’importanza della posta in palio, giocano infatti a viso aperto e danno vita a un match equilibrato, divertente e con diversi capovolgimenti di fronte. Ai punti si può tuttavia dire che è stato il Napoli a meritare di più rispetto gli avversari, ma è proprio l’Udinese a passare in vantaggio intorno alla mezz’ora. Indecisione di Cannavaro che regala il pallone a Di Natale che lancia Fabbrini in profondità il quale dalla fascia mette nel mezzo per Pinzi che tutto solo deve solo spingere la sfera in rete. I partenopei provano la reazione, ma si va al riposo sull’1-0 per i padroni di casa.

CALDISSIMA RIPRESA – Il secondo tempo inizia nel segno dell’Udinese, che raddoppia subito la rete del vantaggio con Di Natale. L’attaccante napoletano in forza ai bianconeri è bravo infatti a ribadire in rete una conclusione di testa di Pinzi su cross di Pasquale finita sul palo. Il 2-0 permette di far controllare meglio la partita ai padroni di casa, ma tutto cambia allo scoccare dell’ora di gioco quando Fabbrini viene espulso per doppia ammonizione: anche se la decisione di Rocchi è molto dubbia.

Sta di fatto che l’inferiorità numerica mette chiaramente in difficoltà l’Udinese che è costretta a subire nettamente il gioco del Napoli. I partenopei trovano nuova linfa vitale e possono subito accorciare le distanze alla mezz’ora con un calcio di rigore concesso per fallo di mano di Domizzi. Sul dischetto va Cavani che però calcia malissimo e non ha problemi Handanovic a respingere. Sembra il segnale definitivo per la vittoria dei padroni di casa ma lo stesso uruguaiano si riscatta poco dopo battendo il portiere avversario su calcio di punizione dai sedici metri.

È arrembaggio Napoli: l’Udinese non esce più dalla propria trequarti e inevitabilmente arriva la rete del 2-2 ancora con Cavani, che batte da posizione defilata Handanovic sfruttando un assist di Dzemaili. Finale incandescente: allo scadere, ospiti addirittura vicini al vantaggio con Zuniga ma il portiere bianconero si oppone con uno straordinario intervento. Finisce 2-2 tra le proteste di giocatori e tifosi e dell’Udinese per le decisioni arbitrali effettivamente dubbie di Rocchi. Entrambe le squadre comunque sono a un punto dalla Lazio.

Photo credits | Getty Images

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>