Italia – Danimarca 3-1, video e interviste

di Gioia Bò Commenta

Continua la marcia trionfale dell’Italia verso i Mondiali 2014, in programma in terra brasiliana. Nell’ultimo impegno – prima della lunga sosta invernale – gli azzurri battono la Danimarca e consolidano il primato nel Gruppo B, portandosi a quota 10. Il vantaggio della nazionale italiana arrivava al minuto numero 33 della prima frazione di gioco, quando Montolivo approfittava di un colpo di tacco di Balotelli per battere Andersen.

Passavano quattro minuti e Pirlo trovava De Rossi in area, consentendogli di siglare la seconda rete personale in pochi giorni. Sul finire del primo tempo gli ospiti riuscivano ad accorciare le distanze con Kvist, e pregustavano la rimonta nel corso della ripresa. Una rimonta che sembrava possibile all’inizio della seconda frazione di gioco, allorché Osvaldo allargava il braccio, colpendo un avversario al volto e rimediando il rosso diretto. Ma l’Italia non mollava ed al 9′ della ripresa si portava sul 3-1, grazie al lancio millimetrico di Pirlo, trasformato in rete da un tocco morbido di Balotelli. Prandeli è soddisfatto:

Un piede in Brasile? No, siamo solo un po’ più sereni. Ho visto un grande spirito di una grande squadra, abbiamo giocato con ordine e determinazione. Soprattutto quando c’è stato da stringere i denti dopo l’espulsione di Osvaldo. Non è stata una partita facile. Abbiamo visto che quando le avversarie la mettono sul piano fisico si possono trovare delle difficoltà. Loro palleggiavano e noi li aspettavamo per cui facevamo fatica a prendere il comando delle operazioni. Sotto questo aspetto dobbiamo e possiamo ancora migliorare. Comunque poi per 10′ abbiamo giocato un ottimo calcio e meritato i due gol. Il 2-1 poteva complicarci la gara, per fortuna abbiamo mantenuto la calma. Ci manca ancora un pizzico di continuità, Balotelli? Ha qualità incredibili che tutti gli riconoscono. Ma lui in più deve giocare così, in maniera generosa. Diventa un trascinatore e ne beneficia sia lui che la squadra

A breve il video della gara.

[Photo Credits | Getty Images]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>