Confederations Cup: Spagna – Stati Uniti 0-2

di Marco Mancini 4

La Spagna si era troppo abituata a giocare contro squadre scarse (Nuova Zelanda, Sudafrica e Iraq) e si è dimenticata come si gioca contro squadre che giocano sul serio, che non ti fanno respirare e che sono in grado anche di segnare. E così si chiude in anticipo la Confederations Cup spagnola, e si interrompono a 15 le vittorie consecutive in partite ufficiali di una squadra troppo sicura di sè per battere la piccola nazionale degli Stati Uniti.

Il primo tempo è quasi tutto americano. Gli spagnoli sottovalutano l’impegno, pensando di risparmiare le energie per il Brasile, e così gli statunitensi passano i primi 15 minuti a prendere a pallonate Casillas. A questo si aggiunge che David Villa sbaglia una quantità impressionante di gol, e allora se sbagli tanto, si sa, il gol lo prendi. E così al 26′ un lancio perfetto di Donovan coglie Altidore che si libera di Capdevila e segna solo contro Casillas. Solo negli ultimi 10 minuti si fa vedere la Spagna, e serve solo per intimidire gli avversari.

La tattica sembra funzionare perché la ripresa è tutta delle Furie Rosse. La squadra di Del Bosque attacca in otto, e gli Stati Uniti si affidano al contropiede. Howard le prende tutte, gli spagnoli tirano da tutte le parti e lui risponde sempre, e così, sull’ennesimo contropiede, Sergio Ramos si addormenta e Dempsey lo anticipa segnando lo 0-2. Nel finale espulso anche Bradley, terza espulsione per gli statunitensi in questo torneo, ma è solo tempo che si perde perché tanto gli States in finale ci vanno, la Spagna no.

Commenti (4)

  1. Speriamo che ora l’Italia ritorni ad essere la piu forte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>