Tutto il Milan contro Chiellini

di Marco Mancini 1

 

Sembra quasi che il buffetto, schiaffo o come volete considerarlo, a Storari lo abbia dato Chiellini e non Ibrahimovic. Il giorno dopo la partita di Coppa Italia tra Milan e Juventus è una bufera ed al centro stavolta non c’è lo svedese, reo di aver colpito a fine partita il portiere della Juve, ma Chiellini che ha denunciato l’accaduto.

Dalle immagini si vede bene che dopo la “carezza” di Ibra all’avversario, Storari non batte ciglio ma il difensore bianconero corre dall’arbitro a segnalargli l’accaduto. Cosa che peraltro farà subito dopo davanti ai microfoni dei cronisti. Ed il Milan cosa fa? Anziché stigmatizzare l’accaduto e riprendere Ibrahimovic, se la prende con Chiellini.

LE DICHIARAZIONI – E’ come se un ladro ruba la borsa ad una vecchietta e ci se la prende con un passante che va a denunciare l’accaduto e non con il borseggiatore. Il primo a prendersela è Massimo Ambrosini, capitano dei rossoneri, che ha definito il gesto di Chiellini “fuori luogo ed antipatico”.

Dispiace perché bisognerebbe abbassare i toni e invece si invoca la prova tv. Se uno sbaglia deve pagare, ma andare a fare la spia e cercare quasi forzatamente un colpevole è una cosa che non va fatta.

Gli fa eco Adriano Galliani che risponde:

Ha fatto la spia come a scuola quando si dice: signora maestra, ha visto mi ha dato una sberla… no, non è bello e non mi è piaciuto. Non si capisce perché un giocatore così importante debba avere bisogno della prova televisiva per non avere Ibra contro.

Mentre Amelia definisce “infantile” il gesto del difensore. Tutti contro Chiellini dunque, ma chi glielo dice ad Ibrahimovic che se rimane calmo tutto questo non accade? Probabilmente questa è la reazione di un ambiente con i nervi a fior di pelle che sa che dopo questa bravata non solo è a rischio la riduzione della squalifica in campionato per il migliore attaccante rossonero, ma si paventa anche una nuova per la Coppa Italia. Speriamo che almeno il calciatore abbia capito che deve tenere le mani a posto e non ripeta il gesto anche in Champions League, altrimenti il danno sarebbe completo.

Photo Credits | Getty Images

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>