Cristiano Ronaldo: “Italia? Mai dire mai”

di Gioia Bò 1

Al Real Madrid ha trovato la situazione ideale per giocare a calcio e per il momento non prende in considerazione l’idea di lasciare la capitale spagnola per cercare fortuna in altri lidi. Ma Cristiano Ronaldo non chiude le porte ad un eventuale trasferimento in Serie A, come ammette lui stesso ai microfoni di Mediaset:

Sono orgoglioso di giocare nel Real Madrid perché mi diverto, e solo quando non ti diverti più è il segnale che è arrivato il momento di andarsene. Io per ora sto bene qui, nel club più importante al mondo. Rispetto il campionato italiano, ma in questo momento lo metto al terzo posto dietro al calcio spagnolo e a quello inglese. Ma un giorno mai dire mai, perchè no? In Italia ci sono squadre fantastiche come l’Inter, il Milan e la Juventus.

MOURINHO E’ IL MIGLIOR TECNICO DEL MONDO. Intanto il fenomeno portoghese si gode il primo posto nella Liga e spera di poter brindare presto al primo scudetto in terra spagnola. Merito della squadra, ma anche del condottiero, Josè Mourinho:

E’ un allenatore fantastico e i titoli vinti parlano per lui. Ha vinto ogni cosa in Portogallo, in Inghilterra e in Italia e questo lo rende il migliore. Per me per essere il migliore devi provarlo in Paesi e campionati diversi. Mourinho lo ha fatto, a differenza di tutti gli altri. E’ semplice.

Un ragionamento che non fa una piega, sebbene occorra ammettere che lo Special One è stato sempre messo nelle condizioni di conquistare il premio più alto, grazie alla generosità dei presidenti che ne hanno accontentato tutte le richieste. Vero è però che arrivare davanti a Sua Maestà il Barcellona nella Liga non è impresa da poco, nonostante la presenza in campo di campioni come Ronaldo, Kakà, Higuain e compagnia cantando.

[Photo Credits | Getty Images]

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>