Brasile 2014: Dracula arbitra Italia-Uruguay

di Alba D'Alberto Commenta

Cresce l’attesa per l’ultimo scontro diretto del nostro girone. Italia-Uruguay sarà il prossimo appuntamento degli azzurri e dal risultato della partita dipende la qualificazione della nazionale alla fase successiva della Coppa del Mondo.

I Mondiali di Brasile 2014 ci stanno riservando tantissime sorprese, una su tutte la sconfitta dell’Italia con la nazionale costaricana. Criticata la formazione proposta da Prandelli che per la partita di domani cambia schema e potremmo vedere in campo, dal primo minuto, il tanto atteso Ciro Immobile.

Formazioni a parte, ad arbitrare il match della nostra nazionale sarà il messicano Antonio Rodriguez Moreno, detto Dracula. Si sa che gli azzurri con i “Moreno” non hanno molta simpatia ma stavolta la questione è più complicata.

Il fischietto messicano, 40 anni, è un pastore protestante, predicatore della congregazione di Milpa Alta ma non è la sua fede a renderlo famoso, quanto piuttosto la facilità con cui estrae i cartellini. In passato ha arbitrato soltanto l’Under 20 italiana che ha perso nel 2009 per 4 a 2 con l’Egitto. Eppure gli italiani lo conoscono bene.

Rodriguez, infatti, è stato l’arbitro della finale Mondiale per club 2007 dove si sono scontrati il Milan di Pirlo con il Boca Juniors di Paletta che adesso è naturalizzato italiano ed è stato protagonista negativo dell’esordio della nazionale contro l’Inghilterra.

Tanto per non farsi prendere dal panico, il soprannome di Rodriguez, Dracula, è dovuto al modo in cui si pettina i capelli all’indietro usando una quantità incredibile di gel, proprio come il vampiro più famoso del mondo. È severo ma non sarà certo lì a far buttare sangue ai giocatori. per conoscere in diretta il risultato del match, potete affidarvi a Google o alla Fifa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>