Spagna – Italia 1-1, video e interviste

di Gioia Bò 1

Buona la prima pe l’Italia di Cesare Prandelli, che è riuscita a fermare sul pareggio i campioni in carica della Spagna, sovvertendo ogni possibile pronostico. Ci si attendeva una nazionale azzurra sottomessa, dopo la figuraccia nell’ultima amichevole contro la Russia ed i guai del calcio scommesse che tormentano i sogni degli italiani. E invece ecco l’Italia che non ti aspetti, capace di proporre un bel gioco di fronte alle Furie Rosse e di rispondere colpo su colpo alle offendive avversarie.

LA CRONACA DI SPAGNA – ITALIA

LE PAGELLE DI SPAGNA – ITALIA

Molte le occasioni da una parte e dall’altra fino alla rete messa a segno Di Natale, entrato da pochi minuti in sostituzione dell’inconcludente Balotelli. A rovinare la festa azzurra ci pensava poi Cesc Fabregas, ma alla fine il pareggio contro i campioni d’Europa e del Mondo ci può stare. Cesare Prandelli si dice soddisfatto dell’esordio ad Euro 2012:

Abbiamo cercato il confronto uno contro uno, non volevamo fare una gara di contenimento. Abbiamo creato e sono soddisfatto del risultato. Peccato per il pareggio arrivato troppo presto. Sotto l’aspetto sia fisico che mentale siamo stati un vero gruppo. Hanno fatto quello che ho chiesto e questo è l’importante, c’è stata generosità da parte di tutti.

Daniele De Rossi, baluardo insuperabile della difesa azzurra, analizza la gara:

Era la partita più difficile del nostro girone, contro una Nazionale fenomenale. Speravo in una mia buona prestazione, poi questa dipende da tanti fattori, tra i quali cosa fa chi gioca con te. I miei compagni di reparto sono stati strepitosi.  In amichevole prima di arrivare qua c’è stato qualche problema e il frastuono che si è creato non ha aiutato. Con una partita come quella contro la Russia uno si aspettava una catastrofe, e invece così non è stato. Il Presidente Napolitano  ci ha fatto i complimenti, era divertito. E’ stata una partita piacevole. Quando siamo entrati negli spogliatoi abbiamo scherzato sulle formazioni: non c’era il nome dell’attaccante della Spagna e questo ci ha preoccupato. Un centravanti ti dà un punto di riferimento. Con Torres ho fatto un po’ fatica. Ho fatto quello che ha chiesto il mister, voleva qualcuno che unisse la fase difensiva a quella offensiva. Il segreto è avere vicino giocatori che sanno giocare bene a pallone ed io avevo Pirlo e Marchisio.

A voi il video della gara.

[Photo Ctedits | Getty Images]

 

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>