Euro 2012 Germania – Italia, Buffon furioso per gli errori in attacco

di Gioia Bò Commenta

Correva il 90′ di Germania-Italia, l’arbitro francese fischiava la fine delle ostilità ed i panchinari azzurri si riversavano in campo per festeggiare i protagonisti della vittoria. Esultanze, baci, abbracci, qualche lacrima di gioia e facce sorridenti in ogni dove. Tutti euforici tranne uno, Gigi Buffon, che si “smarcava” dall’abbraccio di De Sanctis e si avviava con la faccia scura verso il tunnel. Il motivo? Troppi errori in attacco, che avrebbero potuto compromettere la qualificazione all’atto finale di Euro 2012.

LE PAGELLE DI GERMANIA -ITALIA

IL VIDEO DI GERMANIA ITALIA

GUARDA LE FOTO DI GERMANIA – ITALIA

Il portierone azzurro alza la voce e se la prende con gli attaccanti:

Sì, ero arrabbiato. Si sta giocando per qualcosa di unico e troppo prestigioso: non si scherza col fuoco. Se avessero pareggiato 2-2 magari poi perdevamo. Le partite vanno vinte in maniera agevole e facile quando di può. L’Europeo è una cosa non seria, ma serissima. In certi atteggiamenti dobbiamo ancora migliorare. E io da vecchietto mi permetto di rompere le scatole ai più giovani. Abbiamo giocato un’ottima partita e dovevamo vincere in maniera più larga, anche se oltre ad essere stati bravi siamo stati anche fortunati negli episodi decisivi. La gioia degli Italiani nelle piazze è la soddisfazione più grande per me. Ieri notte ho passato un’ora su Youtube a vedere la nostra gente esultare dopo Italia-Inghilterra, è stata quella la mia carica.

Per nostra fortuna il rigore in favore della Germania è arrivato quando ormai c’era poco tempo per rimettere in piedi il risultato. Il disappunto di Gigi Buffon è lecito, così come è comprensibile scaricare l’adrenalina isolandosi dalla festa finale.La spernza è che nella finalissima contro la Spagna gli azzurri riescano a concretizzare le azioni create, anche se siamo convinti che il portierone della Juventus firmerebbe per una serata come questa, sofferta sì, ma incredibilmente magica.

[Photo Credits | Getty Images]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>