Ronaldinho al Milan: si, no… forse a giugno

di Gioia Bò 1

Colletta o soldi sborsati dal Cavaliere, Milan o non Milan, sembra proprio che la storia d’amore tra il Barcellona e Ronaldinho sia giunta al termine. Niente da fare per gennaio, probabilmente, ma di certo l’asso brasiliano vestirà una nuova maglia il prossimo anno.

Nemmeno la tifoseria è più dalla sua parte, tanto che in un sondaggio, che chiedeva di scegliere tra l’asso brasiliano e l’allenatore Frank Rijkaard,  ben il 38% si è schierato contro di lui, auspicandone la partenza. Rapporti tesi anche con la dirigenza blaugrana, rea a suo dire, di non aver mantenuto la promessa di prolungamento del contratto, con conseguente aumento dell’ingaggio.

Lui non parla più: troppe parole sono volate intorno alla sua vicenda ed al suo eventuale, possibile, quasi certo trasferimento.

Al Milan? E’ la soluzione più probabile allo stato dei fatti, vista la presenza di emissari rossoneri a Porto Alegre durante le vacanze di Natale. Nessuna smentita da parte del giocatore né del fratello procuratore che si limita a ribadire: “La strada è ancora lunga”.

Intanto Ronaldinho è rientrato sabato dal Brasile -dove ha trascorso le vacanze di Natale- e si è allenato regolarmente con la squadra, augurandosi probabilmente che i prossimi sei mesi passino in fretta e che Berlusconi si decida a riaprire il portafoglio e a sborsare i 50 milioni di euro necessari per l’acquisto. Staremo a vedere.

E per la gioia dei nostalgici, si fanno sempre più insistenti le voci di un ritorno eccellente, Andriy Shevchenko, che potrebbe rientrare a Milanello già nel prossimo gennaio, accompagnato da Gianluca Zambrotta.
Radiomercato annuncia poi l’arrivo a luglio di Josè Mourinho (notizia confermata dall’ Equipe) e di  Didier Drogba.

Ma qui parliamo di Fantacalcio.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>