Il punto sul calciomercato dopo due settimane dalla fine del campionato

di Marco Mancini Commenta

Il campionato è terminato due settimane fa, e subito sono scattati i primi colpi di mercato. Non c’era da meravigliarsi, visto che alcuni nomi, e già alcune firme, erano stati ufficializzati anche settimane prima del fischio finale dell’ultima giornata, e quindi molti manager erano già in procinto di organizzare la prossima stagione.

Finora ci siamo occupati delle trattative, dei nomi più o meno veri, delle indiscrezioni e delle favole raccontate per sviarci. Adesso, come faremo con cadenza bisettimanale, cerchiamo di fare il punto sulla situazione, e mettere in chiaro gli acquisti e le cessioni ufficiali, cioè quei colpi di mercato che hanno nero su bianco.


Cominciamo con il più fresco, quello di Zambrotta al Milan. Il difensore ex Juve e Barça ha firmato ieri sera. L’ufficializzazione dell’acquisto è stata data proprio dal sito dei rossoneri, senza fornire ulteriori dettagli sull’operazione. Ma secondo il sito Tuttomercatoweb l’accordo sembra si sia trovato sulla base di 8,5 milioni (ben al di sotto dei 10 chiesti dai blaugrana) e con un triennale da 4 milioni a stagione per il calciatore. Al livello di uscite, che poi tanto uscite non sono, c’è il riscatto da parte del Cagliari dell’attaccante Matri, che era in comproprietà con i rossoneri. Il riscatto era abbastanza scontato, visto che a Cagliari l’ex attaccante del Rimini stava andando bene, e invece nel Milan non avrebbe mai trovato posto. Insieme a lui è stato ceduto definitivamente anche Oliveira al Saragozza, per circa 10 milioni. E per un attaccante che se ne va, un’altro arriva. E’ Borriello, su cui sono stati reinvestiti i 10 milioni di Oliveira, che però non è detto che rimanga a giocare a Milano il prossimo anno.

Al Milan ha risposto la Juve, che ha finalmente ufficializzato il colpaccio Amauri per l’attacco, come spiegato qualche giorno fa, attraverso due contropartite tecniche e soldi. Mentre è passato più sotto silenzio l’ingaggio del difensore centrale Mellberg, che ha firmato un pre-contratto con i bianconeri già a gennaio, e che per la sentenza Bosman, è ingaggiabile a parametro zero dal primo luglio prossimo. Il difensore, che parteciperà ai prossimi campionati europei con la Svezia, ha militato nelle ultime 7 stagioni nell’Aston Villa, collezionando oltre 200 presenze in Premier League. In ottica futura i bianconeri hanno anche acquistato il diciottenne Albin Ekdal, trequartista svedese, che probabilmente finirà nella Primavera almeno per un anno.

Attendendo di sapere cosa sarà del futuro dell’Inter, il cui unico colpo di mercato è stato il cambio di allenatore, è la Fiorentina a tener banco nel mercato d’Italia. E’ stato ufficializzato proprio ieri il terzo colpo dei viola: il montenegrino Stevan Jovetic, considerato una delle promesse migliori del calcio internazionale. E’ un attaccante di soli 19 anni, ma capace di segnare nel suo Partizan Belgrado ben 27 reti in 72 partite. Il giovane attaccante farà coppia con Gilardino, prelevato dal Milan con un blitz di poche ore. Sul fronte delle uscite, ufficiale l’addio a Liverani. L’ex centrocampista di Lazio e Perugia ha lasciato anche Firenze per diversità di vedute sul rinnovo contrattuale con Corvino e per il rischio di non poter giocare titolare per l’arrivo del brasiliano Felipe Melo dall’Almeria, e quindi ha preso la strada di Palermo, dove Zamparini avrebbe fatto follie per averlo. Proprio un giocatore come lui è mancato quest’anno ai siciliani, che dopo aver perso Corini l’anno scorso sono crollati proprio nel lato nevralgico del campo. E i risultati ne hanno risentito. Anche in difesa i rosanero si sono dati da fare, assicurandosi il difensore ex Under 21 dell’Empoli, ormai retrocesso, Andrea Raggi.

Un’altra notizia che ha fatto contenti molti sportivi, e non solo i tifosi della Sampdoria, è stata l’ufficializzazione del passaggio di Antonio Cassano al 100% ai blucerchiati. L’accordo si era trovato su un pagamento futuro, e cioè sulla possibilità di pagare al Real Madrid 7 o 5 milioni di euro, a seconda se il calciatore fosse venduto nella prossima finestra di calciomercato, o in quelle future. Cassano da parte sua ha rinunciato ad una buona fetta del suo ingaggio pur di giocare in un ambiente che lo ha reso sereno e che gli permette di giocare con continuità.

Anche l’altra squadra impegnata in Uefa non è voluta esser da meno, e ha ingaggiato il suo Cassano: si tratta di Antonio Langella, fenomeno del Cagliari di due anni fa e dell’Atalanta di quest’anno, che il prossimo anno indosserà la maglia bianconera. Ufficialmente l’attaccante, ormai 31enne, è stato preso per fare da chioccia ai suoi colleghi più giovani, ma in realtà è servito per tutelarsi da eventuali cessioni di Di Natale o Quagliarella, richiestissimi in Italia e all’estero.

Tra le squadre che si dovranno salvare invece, dopo l’ufficializzazione del rinnovo del contratto a Zenga, il Catania ha già messo in cantiere i primi due colpi: si tratta di Kosicki e Di Cosmo, il primo è il portiere titolare della nazionale slovacca Under 21, il secondo è un attaccante argentino con passaporto italiano che quest’anno ha militato in C2 nell’Igea Virtus. Quest’anno è stato capocannoniere del suo girone con 16 reti.
Anche il Genoa ha ufficializzato il suo primo colpo di mercato. Si tratta di Modesto della Reggina acquistato per circa 5 milioni di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>