Frank dove scappi? Ti prenderò, ma tra un anno

di Marco Mancini Commenta

Ormai è deciso, Abramovich non ha intenzione di lasciar andare via Lampard. O almeno non fino alla scadenza del suo contratto. Il miliardario russo si comporta come un bambino che, nonostante da più parti gli si chieda di mollare un giocattolo, non ha intenzione di privarsene. E non lo farà nemmeno con Lampard, ora più che mai deciso a raggiungere Mourinho all’Inter, anche dopo l’assenso del suo nuovo allenatore, Scolari, che ha dato il via libera al trasferimento.

Due giorni fa l’annuncio del giocatore di non voler accettare nessun rinnovo contrattuale con il Chelsea; ieri il nullaosta da parte di Scolari che anzi ha detto che si sarebbe schierato con il calciatore, cercando di convincere il presidente a lasciarlo andare. Ma siccome chi decide alla fine è lui, poco importa cosa dice il “dipendente”, o schiavo moderno, come lo ha definito Blatter. E soprattutto gli importa pochissimo dei 20 milioni offertigli dall’Inter. A gennaio Lampard firmerà il precontratto con i nerazzurri e, se non ci dovessero essere altri intoppi, dal primo luglio 2009 sarà un calciatore dell’Inter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>