Apertura ufficiale calciomercato, la situazione al 1 luglio

di Marco Mancini 6

Con la data del primo luglio si apre ufficialmente il calciomercato. Nonostante acquisti e vendite sono già partiti da prima della fine del campionato, solo da oggi i contratti potranno essere depositati in Lega. Andiamo a capire chi parte avvantaggiato, chi cioè in questo mese post-campionato si è mosso meglio in Italia.

Il titolo di squadra che ha investito meglio finora se lo contendono le due pretendenti al prossimo scudetto, Inter e Juventus. I nerazzurri si sono aggiudicati già da un mese i due pezzi pregiati del Genoa, Milito e Thiago Motta, mentre i bianconeri hanno fatto tornare uno della vecchia guardia, Fabio Cannavaro, e hanno ingaggiato uno che potrebbe risolvergli un bel po’ di problemi in fase offensiva, il brasiliano Diego. In più la Juve si è anche aggiudicata il giovane Paolucci, il quale però difficilmente rimarrà a Torino.

Subito dopo c’è da notare anche come lo stesso Genoa si sia mosso benissimo, sostituendo il partente Milito con Crespo e Floccari, ed ingaggiando anche Acquafresca, il quale però è stato immediatamente girato all’Atalanta. Insieme alle due punte arrivano in Liguria anche Kharja, ottimo esterno ex Siena, e l’ex interista Pelè, che andrà a sostituire Motta. Da non sottovalutare anche Jankovic, ed il riscatto di un difensore dal futuro assicurato come Criscito.

Per il resto, sono mancati i grossi colpi, soprattutto da parte del Milan. I rossoneri attendono troppo e corrono il rischio di partire molto svantaggiati rispetto alle due dirette rivali, dato che finora ha ingaggiato solo giovani di belle speranze come Zigoni, Diniz e Beretta. Da valutare Thiago Silva, ingaggiato già a gennaio, e Di Gennaro, che non è detto resterà a Milano. Male finora anche la Fiorentina, che ha annunciato grandi nomi, ma finora ha fatto firmare solo giovani promesse come Di Tacchio.

Tra le seconde linee si è mosso molto bene il Napoli, puntando su nomi importanti come Quagliarella, De Sanctis e Cigarini, ma anche giovani interessanti come Zuniga e Campagnaro. E’ evidente che quest’anno i partenopei punteranno all’Europa, magari approfittando dell’anno sabbatico che si stanno prendendo il Milan o la Roma, troppo distratta dai problemi finanziari, la quale finora è riuscita ad acquistare solo Guberti, un buon centrocampista ma poco per poter puntare alla Champions League.

Discretamente si è mosso il Palermo, con acquisti di media portata, anche se c’è da valutare questo Javier Pastore di cui si sente parlare tanto bene, ma anche il Catania che ha preso, tra gli altri Delvecchio e Campagnolo, ma soprattutto Andujar, considerato uno dei portieri più forti d’Argentina. Così così il mercato dell’Udinese, che si è assicurata Bernardo Corradi.

Per il resto, per la maggior parte si tratta di ritorni dai prestiti o di operazioni minori per rinforzare la panchina o per girare un calciatore in qualche trattativa più grossa, ma sicuramente i colpi migliori devono ancora arrivare e, considerando che siamo ancora ad inizio luglio, ci sarà da divertirsi.

Commenti (6)

  1. Ciao Marco,
    arrivo bello bello (si fa per dire 😉 per fare un po’ di sana “contestazione”.

    Ovviamente mi riferisco alla Fiorentina, dire che per adesso “male” … è una delle poche che non si è indebolita rispetto allo scorso anno … quello del Milan dovrebbe essere “pessimo”. Quello della Juve così così, avrà un Diego in più, ma anche un Nedved in meno e non credo che Cannavaro avrà vita semplice (e non è più il giocatore che era nella precedente esperienza a Torino).

    Per finire volevo sottolineare un avvenimento di ieri. A Milan Corvino ed un agente di Felipe Melo si sono incontrati ed è stato firmato il prolungamento del contratto fino al 2013. Ma la cosa “nuova” è che per la prima volta in Italia è stata inserita la clausula rescissoria così come per esempio in Spagna. Per adesso non c’è niente di ufficiale ma pare che la cifra fissata sia fra i 25 ed i 30 milioni ed è valida entro la metà del mese di luglio di tutte le estati fino a scadenza di contratto.

    Saluti e buona giornata

  2. Aggiungo una precisazione a quanto detto prima.
    In realtà esiste già in Italia un primo esempio di clausola rescissoria, Antonio Cassano infatti risulta che si possa svincolare dalla Sampdoria in qualsiasi momento previo pagamento di un premio di 20 milioni.

    A questo punto è più giusto dire che la Fiorentina è forse la prima squadra a voler usare in maniera massiccia questa tipologia di accordo. Prossimamente dovrebbero discuterne: Frey, Mutu, Montolivo, Kuzmanovic, Santana, Gilardino, Jovetic, Gamberini e qualche altro.

  3. anch’io sono d’accordo con l’utilizzo della clausola rescissoria, anche se molto spesso serve a poco. Potrebbe evitare tanti scontri tra calciatori e società, e se la fiorentina la vuole introdurre per tutti i suoi calciatori, meglio così, magari lo facessero tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>