Ancelotti e Buffon all’Arsenal?

di Marco Mancini Commenta

Foto: AP/LaPresse

Sembravano entrambi destinati alla Roma, ma potrebbero finire in un’altra Capitale, quella dell’Inghilterra. Carlo Ancelotti e Gigi Buffon sono entrati nel mirino della dirigenza dell’Arsenal che di solito mantiene un profilo basso sul mercato. Ma non quest’anno.

La stagione non proprio esaltante dei Gunners, e la mancanza di trofei da troppi anni, hanno fatto decidere al neopresidente Kroenke di esonerare Wenger, che a Londra si è stabilito da ormai 15 anni. Le alternative sembravano dover essere Roberto Mancini o José Mourinho, ma siccome sembra che, almeno per la prossima stagione, siano confermati nei rispettivi club, l’unico allenatore di peso libero pare debba essere Ancelotti, ormai scaricato da Abramovich.

E così, dopo aver soffiato l’allenatore numero 1 richiesto da Di Benedetto, il suo connazionale potrebbe sfilargli da sotto il naso anche l’acquisto più importante del prossimo calciomercato, il portiere della Juventus Buffon. Gigi ha ribadito ancora una volta, nella giornata di ieri, di voler rimanere in bianconero, ma non è un mistero che Storari è gradito sia alla dirigenza che alla tifoseria, e che di fronte ad un’offerta importante, non inferiore ai 30-35 milioni, la trattativa verrebbe aperta. Di certo non basteranno queste due mosse per risollevare l’Arsenal che sembra dover fare la parte dell’eterno terzo in Premier League, ma almeno il prossimo anno potrebbe dare fastidio al Manchester United e al Chelsea.

Il problema semmai sarebbe della Roma che, per come si stanno mettendo le cose, si ritroverà costretta a continuare con Montella e a confermare in porta uno tra Doni e Julio Sergio (più il primo che il secondo), specialmente se dovesse fallire l’aggancio al quarto posto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>