Un nome per il presente ed il futuro: Mario Balotelli

di Aurelinho 1

E’stato definito la risposta nerazzura al milanista Pato, li accomunano giovane età, classe e goals.
Mario Balotelli ha soltanto 17 anni, ma sembra destinato, come il brasiliano del Milan, a far scintille in futuro e diventare un campione a tutti gli effetti.
Nasce a Palermo il 12 Agosto 1990, ma 2 anni si trasferisce a Brescia dove viene accolto dai Balotelli, che diventano la sua famiglia. A 5 anni i primi calci, nella squadra dell’oratorio parrocchiale di Mompiano e le sue doti gli consentono di giocare molto presto con ragazzi più grandi di lui. Nel 2001 si trasferisce nelle giovanili della Lumezzane, dove esordisce in prima squadra in serie C a soli 15 anni (grazie ad una deroga della Lega, dato che si può giocare tra professionisti solo a 16 anni), stabilendo un record storico, in quanto più giovane giocatore della storia della categoria.


Durante la stagione 2005/2006 molti clubs di Serie A e B si accorgono delle sue qualità, tanto che la Fiorentina trova un accordo con la Lumezzane per portarlo in Toscana, ma Mario riesce ad ottenere un provino addirittura col Barcellona, nel quale segna 8 goals e mostra tutto il suo potenziale. Ma il Barça non può acquistarlo, in quanto Mario, nonostante sia nato e cresciuto in Italia, non ha ancora la cittadinanza, per incomprensibili problemi giuridici e burocratici.

Il 31 Agosto 2006, Balotelli diventa un giocatore dell’Inter, che gli offre possibilità di crescita sia sui campi di gioco, che sui banchi di scuola, convincendo subito la sua famiglia ad accettare un trasferimento che segna la sua carriera: 19 goals in 20 partite tra gli Allievi sono un numero straordinario, che gli consentono di passare dopo pochi mesi alla squadra primavera, nella quale colleziona 11 presenze segnando ben 8 goals, confermando le sue doti realizzative anche in categorie superiori.
A soli 17 anni l’esordio in Serie A, Mancini gli concede un paio di minuti nel finale di Cagliari – Inter del 17 Dicembre 2007. Troppo poco tempo per mostrare al grande pubblico il proprio potenziale, ma quest’occasione non tarda ad arrivare: 2 giorni dopo l’Inter è ospite della Reggina per la Coppa Italia, e Mario è titolare e segna una doppietta. Potrebbe sembrare un caso, un ragazzo di 17 anni con buone capacità che riesce a sfruttare due occasioni bene, trasformandole in goal. Ma qualche settimana dopo, si gioca Juventus – Inter, e Mario è nuovamente titolare. Anche stavolta doppietta, e che doppietta. La stampa resta impressionata dalle reti del 17enne palermitano, sia perché sono state segnate contro la Signora, sia per la loro pregevole fattura.
Adesso Balotelli sembra pronto nella sfida tra giovanissimi con Pato, che è andato a segno ancora una volta a Firenze con una rete fantastica, da vero campione, ma che poi si è infortunato alla caviglia.

E’ chiaro che per SuperMario sarà più difficile del brasiliano trovare spazio in Seria A, data la forte concorrenza nell’Inter, ma una cosa è certa: questo ragazzo può dare tantissimo non solo all’Inter, ma anche e soprattutto alla nazionale italiana, certamente non per gli europei troppo vicini, ma a mio avviso per il mondiale del 2010 potremmo goderci un grandissimo attaccante.

Commenti (1)

  1. Mario Balotelli is exceptionally brilliant and so talented at a very young age.He is a player to watch come the next World Cup.WATCH THIS SPACE!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>