Edmundo vuole tornare al Vasco Da Gama

di Gioia Bò Commenta

Casa dolce casa! E’ il sogno di molti giocatori chiudere la carriera laddove l’avevano iniziata, sentirsi a casa, per rivivere emozioni provate quando erano poco più che adolescenti.

E’ il sogno di Fabio Cannavaro ed Alessandro Nesta -tanto per restare in casa nostra- partiti rispettivamente da Napoli e Roma (sponda biancazzura), per cercare il successo in squadre più ambiziose, ma col cuore sempre lì, al San Paolo per il napoletano, all’Olimpico per il laziale.

E’ il sogno anche di una vecchia conoscenza del calcio italiano, ricordato più per le sue intemperanze che per la sua grandezza, sia pure indiscutibile: Edmundo, meglio noto agli appassionati come “O animal”, soprannome che la dice lunga sul suo comportamento dentro e fuori dal campo.


In Italia ha indossato le maglie di Fiorentina e Napoli, accolto da entrambe le parti come un re, pur non riuscendo a dimostrare pienamente il suo valore.

In particolare, i tifosi viola lo ricordano per un episodio della stagione ’98-’99, quando la squadra, guidata da Trapattoni, era in testa alla classifica a metà campionato, proiettata verso il terzo scudetto della sua storia.
Batistuta si infortunò e tutti si apettavano che Edmundo prendesse le redini della squadra, per mantenere la posizione di testa. Invece “O animal” saltò sul primo aereo, destinazione Rio De Janiero, per partecipare al Carnevale carioca, come da clausola contrattuale.

La Fiorentina senza quei due là davanti poco poté fare per mantenere il primato e vide sfumare il suo sogno. E nemmeno a Napoli è riuscito a dare il suo contributo: nonostante la sua presenza i partenopei nel 2001 retrocessero in serie B.

Molta acqua sotto i ponti da quel giorno in cui partì dall’Italia senza aver lasciato traccia alcuna. Qualche anno in Giappone nella J-League, con la maglia dei Verdi Tokyo e poi il ritorno in patria nel 2006, ingaggiato dal Palmeiras.

Ora, quasi 37enne e ormai giunto al termine della carriera, ha confessato pubblicamente di voler tornare ad indossare la maglia del Vasco da Gama, squadra che lo ha visto muovere i primi passi come professionista nel lontano 1990.
Il presidente cruzmaltino, Eurico Miranda, ha dato il suo assenso ed anche Romario (nel suo ruolo di allenatore-giocatore) sembrerebbe interessato al ritorno di Edmundo nel Vasco, nonostante i rapporti tra i due fuoriclasse non siano sempre stati idilliaci: nel 2000 “O animal” lasciò la squadra proprio a causa di una lite col “Baixinho”.

Riusciranno stavolta ad andare d’accordo, nonostante i caratteri così forti di entrambi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>