Bundesliga: Werder e Schalke chiudono il discorso Champions, Borussia salvo

di Marco Mancini Commenta

Ultimo turno infrasettimanale per il campionato tedesco. La lotta per lo scudetto era già chiusa da un pezzo (e matematicamente da domenica scorsa), ma c’erano altri grandi traguardi da raggiungere, come la qualificazione in Champions o la salvezza.

La partita di cartello di questa 32esima giornata era Amburgo-Werder Brema e, in cui i padroni di casa, vincendo, avrebbero avuto ancora qualche speranza di qualificarsi per la prossima Champions League, mentre perdendo avrebbero chiuso definitivamente il discorso. Ma anche altre gare clou c’erano in questa giornata, come lo scontro per la salvezza Norimberga-Duisburg e Borussia Dortmund-Stoccarda.


Ma partiamo come al solito dai campioni di Germania. Il Bayern affrontava la quart’ultima Arminia Bielefeld. Probabilmente in Italia questa gara l’avrebbero giocata le riserve, e probabilmente avrebbero lasciato vincere gli avversari che devono a tutti i costi salvarsi. E invece la proverbiale correttezza tedesca ha voluto che in campo scendessero gli 11 titolari del Bayern, e che Ribery e Podolski non pensassero di aver già vinto lo scudetto, strapazzando il povero Arminia, che adesso si trova con solo un punto di vantaggio dalla terz’ultima.

Nello scontro per la Champions lo Schalke liquida 0-3 il Bochum, superando momentaneamente in graduatoria il Werder Brema. Ma i verdi di Germania non si sono lasciati intimidire, e nella partita ben più difficile del giorno dopo, contro l’Amburgo, si riprendono il secondo posto grazie alla rete di Almeida dopo 5 minuti dall’inizio della ripresa, e contemporaneamente fanno anche un favore allo Schalke, dato che ora l’Amburgo è matematicamente fuori dall’Europa che conta.

Anzi, dovrà fare i conti anche con le altre che attentano al suo posto in zona Uefa. E deve ringraziare l’orgoglio del Borussia Dortmund se non è stato sorpassato dallo Stoccarda. Gran partita della squadra di Doll, in pericolo retrocessione per gran parte del campionato, ma che grazie a Tinga ma soprattutto grazie alla doppietta dello svizzero Frei, supera gli ex campioni di Germania, e raggiunge la salvezza matematica.
Intanto per l’ultimo posto disponibile per l’Europa si fa sentire anche il Wolfsburg, che tra i tanti alti e bassi di stagione, affronta l’Eintracht Francoforte in una gara ad altalena, con vantaggi e pareggi consecutivi, fino al 2-3 finale che permette al Wolfsburg di agganciare il Leverkusen, ancora una volta sconfitto addirittura dall’Herta, e ora a soli 3 punti dalla Uefa.

In coda si fa nera la situazione dell’Hansa Rostock, che esce con le ossa rotte dallo stadio di Hannover (3-0) e aspetta solo la matematica per preparare il prossimo campionato di serie B. Norimberga e Duisburg si giocavano una grossa fetta di serie A in questo anticipo, e a spuntarla sono i padroni di casa, grazie alle reti dell’eroe dell’Europeo di Portogallo 2004 Charisteas, e di Pinola. Ora il Norimberga è a solo un punto dalla salvezza, ma non dispera il Duisburg, dato che ha la forza di riprendersi, nonostante l’ultimo posto. Piccolo passo in avanti lo fa anche l’Energie Cottbus, che strappando un punto sul campo del Kalsruhe esce momentaneamente dalla bagarre delle ultime, mentre il Bochum, nonostante la sconfitta, può festeggiare la salvezza ottenuta grazie ai risultati storti delle concorrenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>