Niente Mondiale per Ronaldo

di Gioia Bò Commenta

Lo abbiamo spesso definito campione di sfortuna per via di quei legamenti fragili che spesso hanno messo in pericolo la sua carriera. Ma Ronaldo ha sempre trovato la forza di rialzarsi e di tornare a correre, nella speranza di poter conquistare ancora trofei da aggiungere alla già ricca bacheca. Dopo l’ultimo infortunio con la maglia del Milan e la lunga, lunghissima riabilitazione (quasi 13 mesi) erano in molti a darlo per finito, ma lui ancora una volta ha sorpreso tutti, tornando a far magie con il Corinthians.

Ad accelerarne il recupero è stata la voglia di tornare a respirare l’aria di Nazionale, sperando nella convocazione di Dunga per i prossimi mondiali. Ma proprio oggi il ct del Brasile ha dato una spallata alle sue ambizioni, facendo crollare qualunque speranza:

Per giocare in nazionale non bastano i valori tecnici, ma conta anche il coinvolgimento nel gruppo. Altrimenti non si entra. Non inducetemi a fare certi errori del passato.

Caro Ronaldo, la porta è chiusa: se vuoi ritirarti, non c’è bisogno di aspettare il 2010.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>