Serie B 3a giornata: Padova, Toro e Brescia in testa, Samp a valanga

di Giovanni Ferlazzo 1

Reggina-Grosseto 1-1: 16′ pt Ceravolo (R), 11′ st Sforzini (G)
Brescia-Empoli 2-1: 19′ pt Jonathas (rig.) (B), 8′ st Feczesin (B), 40′ st Tavano (E)
Ascoli-Vicenza 1-1: 37′ pt Abbruscato (V), 5′ st Romeo (rig.) (A)
Bari-Albinoleffe 2-3: 31′ pt e 49′ st De Paula (B), 17′ st Cocco (A), 23′ st Cissé (A), 44′ st Girasole (A)
Cittadella-Padova 1-4: 18′ pt e 23′ st Cuffa (P), 22′ pt Gasparetto (C), 43′ pt e 37′ st Ruopolo (P)
Crotone-Juve Stabia 0-0
Livorno-Nocerina 0-2: 15′ st Farias (N), 48′ st Castaldo (N)
Modena-Pescara 3-2: 13′ pt Immobile (P), 36′ pt Greco (M), 12′ st Insigne (P), 19′ st De Vitis (M), 46′ st Dalla Bona (M)
Sampdoria-Gubbio 6-0: 14′ pt e 19′ st Pozzi (S), 18′ pt Volta (S), 44′ pt (rig.) e 15 ‘ st Bertani (S), 30’ st Piovaccari (S)
Verona-Sassuolo 1-0: 3′ st Ferrari (V)
Torino-Varese 2-0: 40′ pt Stevanovic (T), 4′ st Sgrigna (T)

Reggina-Grosseto 1-1: La terza giornata del campionato di Serie B si apre in Calabria con la sfida tra i padroni di casa della Reggina ed il Grosseto. Granata in vantaggio al 17′ grazie ad un calcio di rigore trasformato da Ceravolo concesso per fallo su De Rose, bravo ad infiltrarsi in area di rigore. Il pareggio dei toscani arriva però all’undicesimo del secondo tempo con Sforzini, lasciato inspiegabilmente solo dalla difesa calabrese che non ha problemi quindi a mettere dentro di testa. La Reggina reclama per un presunto fallo da rigore per atterramento di Rizzato ad opera di Formiconi. Il contrasto, apparso piuttosto netto, è stato giudicato regolare dall’arbitro Nasca.

Brescia-Empoli 2-1: Jonathas-Feczesin, e il Brescia vola in testa. Seconda vittoria consecutiva per le rondinelle, che battono in casa l’Empoli nell’anticipo domenicale delle 12,30. Padroni di casa in vantaggio già al 18′ con Jonathas, bravo a procurarsi e a trasformare un calcio di rigore concesso per fallo di Tonelli. Il raddoppio arriva all’ottavo minuto della ripresa grazie a Feczesin che, servito al centro da uno straordinario Juan Antonio, appoggia in rete il più facile dei gol. La reazione dell’Empoli è timida, ma si concretizza al 40′ st con la rete di Tavano che accorcia le distanze. Inutile il forcing finale dei toscani.

Ascoli-Vicenza 1-1: i bianconeri vogliono uscire presto dal sottozero in classifica inflitto dalla penalizzazione e cercano la vittoria contro un Vicenza mai domo. Il caldo condiziona gran parte del match, ma sono proprio gli ospiti a passare in vantaggio con Abbruscato che insacca di testa in posizione di sospetto fuorigioco al 36′. L’Ascoli pareggia al 5′ minuto della ripresa grazie ad un calcio di rigore trasformato da Romeo concesso per fallo di mano in area di Paro. L’afa toglie energia ad entrambe le squadre che si accontentano del punto.

Bari-Albinoleffe 2-3: Crolla il Bari al San Nicola di fronte ad un Albinoleffe gagliardo, soprattutto nel secondo tempo, che conquista tre punti preziosi. Eppure sono stati proprio i padroni di casa a fare la partita, specialmente nel primo tempo, tanto da passare in vantaggio al 31′ con un potente sinistro di De Paula che non lascia scampo al portiere avversario. L’Abinoleffe reagisce furiosamente, fino a trovare il pareggio al 16′ della ripresa con Cocco che trasforma un calcio di rigore concesso dall’arbitro Palazzino dopo un lungo consulto con il primo assistente. Il Bari non c’è più. Foglio dalla sinistra trova Cissé che insacca la rete del 2-1. Il terzo gol degli ospiti è naturale conseguenza dell’andamento della partita, anche se arriva “solo” al 43′ del secondo tempo con Girasola. De Paula, poco prima dello scadere, accorcia le distanze. Ma è troppo tardi.

Cittadella-Padova 1-4: derby padovano di marca biancorossa con gli ospiti che conquistano la vetta della classifica. Cuffa porta in vantaggio il Padova già al 18′ sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Il Cittadella però gioca bene e trova il meritato pareggio pochi minuti dopo con Gasparetto, che insacca di testa una punizione battuta da Vitofrancesco. Ironicamente però è proprio il pareggio a spegnere i padroni di casa, che si fanno travolgere dalla veemenza e maggior voglia di vincere dei rivali cittadini. Il Padova passa infatti di nuovo in vantaggio al termine del primo tempo con Ruopolo, e poi dilagare ancora con Cuffa e Ruopolo ripettivamente al 23′ e 37′ del secondo tempo.

Crotone-Juve Stabia 0-0: Gran caldo ed un pessimo terreno di gioco condizionano la partita tra le due squadre del sud. Match comunque più divertente di quanto non racconti il risultato. Diverse occasioni da ambo le parti, ma alla fine calabresi e campani (che annullano il sottozero della penalizzazione) si accontentano di un punto a testa.

Livorno-Nocerina 0-2: la sorpresa della giornata arriva dalla Toscana, con la Nocerina che espugna l’Armando Picchi di Livorno conquistando i primi tre punti del suo campionato. I rossoneri neopromossi passano in vantaggio al 15′ del secondo tempo con Farias, imbeccato alla perfezione da Catania e bravo a non sbagliare davanti il portiere. I granata faticano a costruire trame da gioco pericolose, tanto da capitolare definitivamente allo scadere, con un gran gol al volo di destro di Castaldo, molto simile a quello di Totti realizzato nel famoso Sampdoria-Roma di qualche anno fa.

Modena-Pescara 3-2: cadono gli uomini di Zeman al cospetto dei gialloblu al termine di una partita comunque condizionata dagli errori arbitrali. Abruzzesi in vantaggio al 13′ del primo tempo con il “solito” Immobile, ma sono già in dieci qualche minuto dopo per l’espulsione del portiere Anania, che secondo l’arbitro avrebbe toccato la palla con le mani fuori dall’area (in realtà le immagini sembrano dar ragione all’estremo difensore). Il Modena pareggia dunque al 36′ con Greco, servito al centro da Gilioli. Gli ospiti reagiscono e tornano in vantaggio al 12′ della ripresa con Insigne prima di essere raggiunti da De Vitis qualche minuto dopo, e infine beffati da Dalla Bona al primo minuto di recupero. Nel mezzo un’altra espulsione per il Pescara: va fuori Verratti, cacciato per un brutto fallo da dietro nei confronti di Carraro. Era il 40′.

Sampdoria-Gubbio 6-0: Torna a vincere in casa la Sampdoria dopo ben sette mesi e lo fa nel migliore dei modi travolgendo sotto una pioggia di reti il neo-promosso Gubbio, alla terza sconfitta di fila. Pozzi porta in vantaggio i doriani al 14′ trasformando un calcio di rigore, e Volta raddoppia subito dopo di testa, lasciato inspiegabilmente solo dalla difesa avversaria. La partita si chiude definitivamente al 44′ con un altro calcio di rigore a favore della Samp, stavolta trasformato da Bertani. Lo stesso Bertani sigla il 4-0 al 15′ della ripresa, seguito dal 5-0 di Pozzi e dalla sistina di Piovaccari al 30′. Da segnalare che il Gubbio ha chiuso la partita in nove, con una doppia espulsione rimediata nel primo tempo ai danni di Farina e Maccarrone.

Verona-Sassuolo 1-0: la prima vittoria in campionato degli uomini di Mandorlini arriva nel modo “peggiore”, o quasi. Il Verona vince infatti grazie ad un calcio di rigore inesistente concesso per una presunta trattenuta ai danni di Ferrari. Lo stesso ha poi trasformato, era il 2′ del secondo tempo. Partita complessivamente gradevole, palle gol da entrambe le parti, ma la spuntano i neopromossi. Con un piccolo aiutino.

Torino-Varese 2-0: se il buongiorno si vede dal mattino, per il Torino potrebbe concretizzarsi un campionato da sogno. I granata volano infatti in testa alla classifica, anche se in coabitazione con Padova e Brescia, superando agevolmente il Varese nel posticipo di giornata. Torino già in vantaggio nel primo tempo al 40′ grazie ad un gran tiro di destro da centro area da parte di Stevanovic che si insacca sotto la traversa. Il raddoppio arriva al 4′ della ripresa con un destro da fuori area di Sgrigna che finisce nell’angolino in basso a destra alle spalle di Moreau.

Commenti (1)

  1. Nella Samp gioca Bertani! Bertacci chi sarebbe? Giornalisti …mha

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>