Serie B 5a giornata: a Torino (1-0 sul Novara) e Siena (1-0 sull’Atalanta) i big matches

di Moreno Commenta

Varese-Pescara (venerdì 17 ore 20.45) 1-1
Siena-Atalanta 1-0: 11′ Mastronunzio
Torino-Novara 1-0: 5′ Bianchi
Triestina-Padova 0-0
Reggina-Modena 4-0: 2′ Colombo, 13′ Viola, 20′ e 32′ Bonazzoli
AlbinoLeffe-Crotone 1-1: 14′ Torri (A), 7′ st Ginestra (C)
Ascoli-Empoli 0-0
Cittadella-Frosinone 1-1: 38′ rig. Piovaccari (C), 47′ st Sansone (F)
Grosseto-Piacenza 1-0: 38′ st Vitiello
Livorno-Portogruaro 0-0
Sassuolo-Vicenza lunedì 20 ore 20.45


Siena-Atalanta 1-0: match clou di giornata tra due formazioni che lottano per la promozione diretta. I toscani, rispetto ai bergamaschi, hanno la capacità di sfruttare nel migliore dei modi il fattore campo e confermano la migliore condizione fisica prendendo in mano le redini del gioco fin da subito. La pressione senese dei primi minuti frutta il vantaggio dei padroni di casa: all’11’ Mastronunzio – appostato a centro area – stacca di testa su cross di Del Grosso, nulla da fare per Consigli.

Torino-Novara 1-0: Iunco – Bianchi – Sgrigna, e scusate se è poco. Un tridente che mette per forza di cose paura anche ai capoclassifica del Novara, seguiti all’Olimpico – per un derby che accarezza le pagine meno recenti della storia calcistica – da quasi 4 mila tifosi. Gara combattuta e tattica, nella quale, tuttavia, i locali trovano il guizzo vincente già dopo 5′: la rete è confezionata da Iunco – assist – e Rolando Bianchi – incornata vincente. Nella ripresa, gestione lineare da parte dei granata che finiscono in doppia superiorità numerica: rossi per Porcari e Ludi.

Triestina-Padova 0-0: più fluida la manovra locale, attenti a non sbavare in fase difensiva gli ospiti. Mentre la Triestina può recriminare per un paio di occasioni capitate ai piedi di Godeas e Marchi, il Padova ha dato l’impressione di aver osato poco e di non aver sfruttato a dovere il potenziale di Davide Succi.

Reggina-Modena 4-0:
calabresi in forma stratosferica, emiliani frastornati e sorpresi da tale impeto. Basta una frazione di gioco, agli uomini di Atzori, per archiviare la pratica: al 2′ un bolide di Colombo da fuori area mette ko Guardalben, al 13′ prodezza di Viola che insacca da posizione defilata. Sul 2-0, Bonazzoli decide di ritagliarsi uno spazio importante e va a segno con una doppietta: prima rete con tiro da dentro l’area, secondo gol di simile fattura.

AlbinoLeffe-Crotone 1-1: influiscono le rispettive partenze a razzo. Quella dei locali, nel corso della prima parte di gara, porta alla rete del vantaggio messa a segno da Torri, abile a concludere a rete su assist di Bombardini. Nella ripresa sono gli uomini di Menichini a fiondarsi in area avversaria per la ricerca del pari: bravi Cutolo e Ginestra – al 7′ – a costruire l’azione del gol, firmato dal numero 10.

Ascoli-Empoli 0-0: le punte non incidono, le difese fanno buona guardia e vanificano ogni tentativo. Gara tattica e frenata dalla paura di perdere: ne esce un pari a reti bianche capace di rispecchiare l’andamento di un incontro con pochi sussulti.

Cittadella-Frosinone 1-1: nonostante il forcing evidente, ai padroni di casa occorre attendere fino al 38′ e sfruttare un calcio di rigore per sbloccare il risultato. Il fallo in area viene commesso da Grippo, per Bagalini nessun dubbio. Dal dischetto, nessun problema per la trasformazione: ci pensa l’attaccante Piovaccari. Nella ripresa il risultato pare non mutare ma nei minuti di recupero un tiro di Sansone da buona posizione fredda il tifo locale. Pareggio ciociaro in extremis.

Grosseto-Piacenza 1-0: gli emiliani resistono fino al 38′ della ripresa giocando alla pari dei padroni di casa. Cacia e Soncin tengono in apprensione le retroguardie opposte per tutta la prima parte, nella ripresa i toscani premono maggiormente e allo scadere di frazione trovano il gol partita grazie a Vitiello, impeccabile nella conclusione a rete da centro area.

Livorno-Portogruaro 0-0: sembrava una passeggiata ma il Portogruaro ha messo in chiaro le cose fin dai primi minuti. Labronici in pressing, ospiti abili a contenere e cercare la rete con ripartenze improvvise e veloci. Un Tavano in ombra e le difficoltà in fase di finalizzazione hanno tuttavia impedito ai padroni di casa di sbloccare il risultato nonostante il vantaggio numerico (ospiti in 10 dal 31′ della ripresa) per il doppio giallo a Schiavon.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>