Inter, Benitez chiede tempo

di Gioia Bò Commenta

Come si fa a raccogliere l’eredità di un allenatore che ha vinto praticamente tutto con una squadra? L’impresa è ardua, ma Rafa Benitez ha deciso di accettare ugualmente la sfida, misurandosi con una realtà chiamata Inter. I risultati in questa prima parte di stagione sono stati alterni: conquista della Supercoppa Italiana, sconfitta nella Supercoppa Europea, pareggio nel debutto in campionato, vittoria nella seconda giornata e poi pareggio in Champions League. Ma più dei risultati, a preoccupare è la scarsa tenuta fisica e psichica dei calciatori, i quali evidentemente non si sono ancora calati negli schemi voluti dallo spagnolo. Il diretto interessato non fa drammi e chiede tempo per assemblare la squadra:

E’ chiaro che dobbiamo migliorare in difesa, ad esempio, ma sono contento per tante cose che sta facendo la squadra. Magari le facciamo per 20 minuti e poi non abbiamo continuità per 90. Contro l’Udinese siamo stati molto bravi in avvio, contro Bologna e Twente ho visto meglio i giocatori nel secondo tempo. Siamo sempre più vicini al top, ma c’è bisogno di tempo. Non è facile perché una cosa è ciò che hai in testa e un’altra sono i giocatori che hai.

Non mettetegli fretta: sarà pure spagnolo, ma la flemma è quella tipica degli inglesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>