Messina a rischio fallimento, negata l’iscrizione al campionato

di Marco Mancini 1

Il Messina Calcio rischia seriamente di non potersi iscrivere al campionato di Serie B 2008/2009. Lo ha comunicato ieri la Lega, in quanto mancano documenti fondamentali per l’iscrizione, come gli adempimenti contrattuali riguardanti i mesi di febbraio e marzo scorsi, contestati dai calciatori che non hanno percepito lo stipendio.

La situazione è grave perchè, oltre a non essere possibile l’iscrizione ad un campionato professionistico di una società che non paga gli stipendi, c’è anche una grossa probabilità che il presidente Franza abbandoni la barca che sta affondando, facendo letteralmente fallire la società.


Il massimo della pena che rischia quindi la squadra siciliana è il ricorso al lodo Petrucci, che comporterebbe la retrocessione di due categorie, e l’approdo, il prossimo anno, nella serie C2 (o Seconda Divisione). La domanda d’iscrizione della società è stata presentata regolarmente lunedì pomeriggio, ma le inadempienze sono venute subito a galla. La Covisoc, la commissione di vigilanza, si riunirà per analizzare la situazione l’11 luglio prossimo. Se il responso sarà negativo, il Messina avrà solo 4 giorni di tempo per proporre ricorso, che verrà esaminato il 17 luglio, con sentenza il giorno dopo.

Intanto il neo eletto sindaco di Messina, Giuseppe Buzzanca, pare aver mantenuto la promessa elettorale con la popolazione, e sembra aver trovato un gruppo di industriali del Nord pronti a rilevare il Messina dalle mani di Franza. I nomi non sono ancora noti, ma si dice che siano persone che già hanno avuto a che fare con il calcio. L’acquisizione avverrà soltanto se i documenti e il bilancio risulteranno trasparenti e corretti, ma visti i problemi di questi ultimi giorni, non ci sembra sarà una cosa facile. Ancora più difficile che la cordata si possa accollare i debiti societari, che al momento ammontano a 27,5 milioni di euro. Altre due settimane di agonia, e poi la città di Messina conoscerà il suo futuro calcistico.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>