Italia Olimpica: domani parte la caccia alla medaglia

di Gioia Bò Commenta

C’è voglia di medaglia olimpica in casa azzurra, dopo l’ottimo terzo posto conquistato quattro anni fa all’ombra del Partenone. I ragazzi di Casiraghi sono pronti a dare battaglia, per dimostrare che il torneo di calcio alle olimpiadi di Pechino non si riduce ad una sfida tra Argentine e Brasile.

Certo i sudameriani hanno nomi che fanno paura solo ad elencarli (basti pensare a Messi, Aguero, Riquelme, Mascherano, Lavezzi, Ronaldinho, Pato, Diego, Thiago Neves), ma l’Italia è convinta di poter dire la sua nel corso del torneo, sperando che vengano fuori anche nomi come quelli di Giovinco e Montolivo, Rocchi e Acquafresca.

Domani si parte, in anticipo di un giorno rispetto alla cerimonia di inaugurazione, ed i nostri ragazzi si troveranno davanti l’Honduras, che sarà pure poco quotato a livello internazionale, ma raprresenta pur sempre un’incognita. Bisognerà partire con il piede giusto e dimostrare di voler arrivare fino in fondo all’avventura olimpica.


C’è grande fiducia intorno agli azzurrini. A farsi portavoce delle speranze nostrane è il ct Pierlugi Casiraghi, che già nei giorni scorsi ha avuto modo di affermare che un Olimpiade vale quanto un Mondiale:

Sì, è così. E in più già sento che sarà anche una grandissima esperienza di vita, per me ed i ragazzi, anche se per ora non stiamo al villaggio olimpico. Siamo qui in Cina convinti di poter fare bene, e la medaglia d’oro è il grande sogno: il problema è che lo sarà anche per le altre partecipanti.

Già. E pensare che c’è chi vorrebbe impedire ad alcuni ragazzi di vivere il proprio sogno olimpico. La questione ha riguardato (e riguarda ancora) solo Argentina e Brasile con il lungo braccio di ferro sulla convocazione degli Under 23, ma anche Casiraghi ha dovuto incassare dei “no” da parte dei club italiani, che per un motivo o per l’altro non hanno messo a disposizione i fuoriquota.

L’unico over 23 portato in Cina dal ct è Tommaso Rocchi, dal quale tutti si aspettano un contributo determinante:

La sua esperienza sarà utilissima, non è al 100%, come del resto tutti gli altri, visto che la stagione non è ancora iniziata, ma in allenamento dimostra di avere già buon affiatamento con i compagni, può darci qualcosa in più.

E allora tutti a tifare Italia domani mattina alle 11, nella speranza che dal calcio possano arrivare le prime soddisfazioni olimpiche per i colori azzurri!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>