Nazionale, dal ritiro di coverciano parla Buffon

di Stefano Rodinò 1

 Dal ritiro di Coverciano, dove la Nazionale Italiana si sta allenando in vista del doppio impegno, prima in amichevole con il Brasile e poi per la gara valida per le qualificazioni ai Mondiali 2014 contro Malta, ha parlato con i giornalisti il capitano Gigi Buffon, e come sempre non ha rilasciato dichiarazioni banali, aprendo al rientro di Totti in Nazionale, parlando dei suoi compagni in azzurro e infine incoronando Conte come il miglior allenatore che ha avuto.

 TOTTI Dopo le dichiarazioni di Prandelli che non ha escluso il rientro di Francesco Totti in nazionale dopo il suo addio al termine dei mondiali 2006, anche Buffon ha chiamato il capitano della Roma a tornare in azzurro, vista la grande stagione che sta disputando e la grande capacità che l’attaccante ha di risolvere le partite con una sua giocata. Certo l’unico dubbio rimane sullo stato di forma che potrebbe avere tra un anno:

Per me Totti è ancora oggi uno della Nazionale. Con qualcuno di noi ha condiviso fino dalla Under 15 questa avventura. Se uno come lui, col suo talento, la sua classe, la sua caratura sarà l’anno prossimo sui livelli formidabili di quest’anno, perché precludere la Nazionale a chi può farti vincere la partita?

BALO Era inevitabile una domanda sui suoi compagni di nazionale e in questo caso su Mario Balotelli, che da quando è arrivato al Milan ha ritrovato un posto da titolare e una continuità di rendimento che in passato gli era mancata.

I discorsi su Mario sono sempre un po’ i soliti. Tutti desideriamo che trovi la definitiva consacrazione e il proprio equilibrio che non vuol dire soffocare la propria indole. Io l’ho sempre visto piuttosto tranquillo, gli mancava però di giocare con contionuità. Adesso ha trovato la situazione ideale.

CONTE Infine c’è stato tempo anche per parlare della sua squadra di Club, la Juventus e di Antonio Conte, allenatore che in due anni ha riportato ai vertici la società bianconera e che sta seguendo le orme di due mostri sacri come Capello e Lippi:

Se uno come Conte non è considerato nelle classifiche tra i 10 allenatori più bravi mi sorprende molto. Io ho avuto il top degli allenatori e lui, se non è il primo, è il secondo, ma probabilmente il primo. Per dare certi giudizi bisognerebbe considerare anche l’età, in Europa ci sono allenatori molto preparati, ma ne abbiamo uno a Torino che non è inferiore a nessuno

Photo Credtis | Getty Images

 

 

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>