Raiola: Totti è un razzista, può giocare solo in casa

di Gioia Bò 2

“Negro di merda” o “romani di merda”? Scusate le espressioni colorite, ma alla fine della fiera la querelle tra Mario Balotelli e Francesco Totti sta tutta qui, in quelle offese che i due si sarebbero scambiati in campo nel secondo tempo della finale di Coppa Italia. Chi avrà detto cosa? Difficile da stabilire, conoscendo il carattere esuberante dei due protagonisti in questione, ma quello che resta è il fallaccio del capitano giallorosso ai danni dell’attaccante interista. Capitan Totti si è scusato (forse tardivamente) per il gesto, ma non con il diretto interessato e – finora – non ha neppure smentito le accuse di razzismo rivoltegli dall’avversario. E allora ecco intervenire il vulcanico Mino Raiola, procuratore di Balotelli:

Io ho detto che se lui pensa a quello che ha detto è un razzista. Su ‘Il Corriere dello Sport’ sembra che lui non abbia sbagliato, è un articolo che non mi piace. Mario ha detto ‘smettila di darmi i calci, non fare il bambino’ e basta. Totti ha programmato il calcio a Mario, lo ha detto lui stesso. Ha perso la testa.

E ancora:

Non credo che Balotelli abbia detto ‘romani di merda’, comunque sarebbe diverso. Io ho parlato con Mario e mi ha detto di non aver insultato. Se Francesco dice di non averlo detto allora non ci sono problemi. Fino a che Totti non viene a dirlo a me che non ha offeso Mario io non ci credo, per me rimane un razzista.

E poi l’attacco finale:

Comunque Francesco non può picchiare un calciatore da dietro. Totti ha fatto delle scorrettezze a tutte le squadre d’Italia, può giocare solo all’Olimpico. Se Balotelli ha sbagliato chiederà scusa, non ha picchiato né insultato nessuno. Se Francesco vuole denunciarmi va bene, io in tribunale dirò la mia.

E voi diteci la vostra: da che parte state?

Commenti (2)

  1. Io penso che Raiola farebbe bene a tacere in quanto tutti i suoi giocatori sono alquanto “esuberanti”, oltre quell’anima candida di Balotelli vedi un’altro esempio di candore come Ibra. Qualcosa mi porta a pensare che i loro comportamenti non sono tutti farina del loro sacco ma credo che ci sia lo zampini del loro procuratore, non può essere che MR. raiola sia così sfortunato di avere tutti lui questi campioni (non parlo ovviamente delle loro qualità agonistiche). Per quanto riguarda Totti non giustifico il gesto, capisco il nervosismo di una gara del genere, l’adrenalina in corpo e se è vero che esiste una legge della fisica che cita che ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria, è anche vero che se il capitano giallorosso non è impazzito, qualche azione che abbia provocato la reazione sicuramente ci sarà stata e penso che tutti gli appassionati di pallone conoscano bene il “supermario”, sia per le belle giocate calcistiche che per tutte le sue bravate da bambino viziato.

  2. io non giustifico totti xke ovviamente ha sbagliato pero…quando totti fa qualcosa c’è sempre qualcuno k lo istiga lo insulta ecc…infatti anke quando sputò a poulsen lo fece perchè si era rotto le palle(scusate)visto k poulsen lo prendeva a calci da due ore poi raiola mi deve spiegare come ca**o fa uno k è ambasciatore dell’unicef ad essere razzista e come fa uno k gioca in squadra con juan OKAKA baptista simplicio adriano faty ad essere razzista…è una cosa del tutto insensata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>