Inter, rivoluzione per la prossima stagione, via Stramaccioni e Branca?

di Marco Mancini Commenta

Come ogni anno puntualmente in questo periodo Marco Branca viene messo in discussione. Praticamente dall’addio di Mourinho in poi ogni stagione si dice che l’attuale direttore dell’area tecnica dell’Inter debba essere sostituito a fine stagione. Lui è sempre lì da 11 anni a questa parte, ma forse questo potrebbe essere l’ultimo.

La gestione dell’ultimo mercato, con l’arrivo del mezzo rotto Rocchi che ha fatto andar via Livaja e che ha lasciato in piena emergenza in attacco l’Inter, unito alla cattiva gestione della trattativa di Paulinho, potrebbero essere le classiche gocce che fanno traboccare il vaso. Le alte sfere societarie, da Marco Tronchetti Provera a Piero Ausilio ora spingono per cambiare e prendere qualcuno che sia ben visto sia all’interno della società che fuori, ed i nomi che si fanno sono due: Pietro Lo Monaco e Pierpaolo Marino.

I DS – Il primo è attualmente svincolato, ma ha un curriculum di tutto rispetto dato che ha ricoperto quel ruolo in club come Palermo, Catania, Genoa e Udinese, ed ha il merito di aver scoperto giocatori come Juan Manuel Vargas, Silvestre, Mascara, ed ha la fama di essere uno dal pugno di ferro che potrebbe mettere in riga un ambiente che non ha più una sua identità dai tempi del triplete. Marino invece è stato dirigente di Napoli, Roma e Udinese, ed attualmente è all’Atalanta. Sul suo curriculum compaiono giocatori come Hamsik e Lavezzi, e allenatori come Allegri.

Il suo apporto servirà anche per trovare un nuovo tecnico visto che ci sono tutti i presupposti per dare il benservito a Stramaccioni. L’attuale tecnico infatti per rimanere ha una sola possibilità: arrivare terzo in campionato. Siccome con i problemi attuali della squadra sembra difficile, si pensa già ad un successore che potrebbe essere Diego Simeone che è interista dentro ed ha già una discreta carriera da allenatore alle spalle, come dimostrano i successi con l’Atletico Madrid.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>