Inter – Benitez, divorzio complicato

di Gioia Bò Commenta

Foto: AP/LaPresse

Squadra vincente non si cambia, recita il detto, ma a quanto pare in casa Inter non funziona in questo modo. Per anni ed anni la squadra nerazzurra è rimasta davanti alla tv ad invidiare i successi altrui, mentre la propria bacheca accumulava polvere e le foto appese alle pareti restavano tristemente in bianco e nero. Poi dalle parti di Appiano Gentile sono passati fior di allenatori capaci di rinverdire gli antichi fasti, ma alla fine se ne sono andati così come erano arrivati.

E’ successo con Roberto Mancini, fatto fuori dopo la conquista di due scudetti, poi a Josè Mourinho, che in due anni di Inter ha vinto praticamente tutto, ed ora sta accadendo a Rafa Benitez, che ha comunque il merito di aver portato i nerazzurri sul tetto del mondo. Situazioni diverse, certo, ma che dimostrano come a Milano la situazione non sia per nulla tranquilla, a dispetto della pacatezza del patron Moratti. Pacatezza che in queste ore viene messa a dura prova, considerando che il tecnico spagnolo non vuole saperne di abbandonare la barca, almeno non senza una buonuscita da nababbo, che compensi almeno in parte le pene subite in questi mesi.

Qual è la situazione al momento? Moratti è intenzionato a liberarsi dell’ex tecnico del Liverpool, per poi sistemare in panca il rampante Leonardo. Per farlo sarebbe disposto anche a chiedere la risoluzione per giusta causa, in seguito alle dichiarazioni post vittoria mondiale, quando aveva preteso rinforzi. In ogni caso, pare che le parti stiano lavorando per trovare un accordo in tempi brevi, in modo che già da gennaio la situazione possa definirsi. L’agente di Benitez ha confermato le trattative in corso, mentre dall’Inghilterra sono pronti a scommettere che l’accordo sia vicino, con il tecnico che si ritroverebbe con 8 milioni di euro in più sul conto in banca.

Leonardo sta alla finestra e attende, ma oramai sembra questione di ore e forse già da domani si potrebbe avere la soluzione del complicatissimo rebus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>