Van Basten su Conte: ‘In panchina sembra un fanatico’

di Giovanni Ferlazzo Commenta

Ad accedere la vigilia della semifinale di ritorno di Coppa Italia tra Juventus e Milan, che si giocherà questa sera a Torino, ci pensa un grande ex dei rossoneri: Marco Van Basten. Nel corso di un’intervista concessa a Sky Sports, il prossimo allenatore dell’Heerenveen ha parlato di Ibrahimovic, Messi, del suo futuro e anche dei suoi colleghi che attualmente allenano le due squadre oggi più forti in Italia, con un particolare aggettivo scelto per Antonio Conte, tecnico dei bianconeri.

CONTE IL FANATICO – L’ex fenomeno del Milan fa il punto della situazione del campionato che una volta lo vide come protagonista, valutando anche il lavoro dei due allenatori.

Il Milan sta andando bene, è la squadra più forte ed è in testa al campionato. Ho visto due volte Allegri, è una persona a posto e sembra anche un ottimo allenatore. Personalmente non conosco Conte, ma in panchina sembra spesso molto fanatico (lo dice comunque divertito senza alcuna vena polemica, ndr).

L’EREDE IBRA – Van Basten si sofferma anche su Ibrahimovic e sui continui accostamenti fatti in passato con la sua persona volti a identificare lo svedese come suo vero erede, in termini di importanza nella storia del Milan.

Ibra non si esalta in Champions? È solo una coincidenza, se segni tanto in Italia hai le qualità per farlo anche in Europa. Non so se io ero effettivamente più concreto, ma so per certo che anche lui sta segnando tanto e nel calcio chi fa gol fa la differenza. Certo, è importante anche che la squadra crei occasioni visto che il gol in sé è un discorso d’insieme.

BARCELLONA, MESSI E FUTURO – Del resto, i quarti di finale di Champions League regaleranno la sfida tra Milan e Barcellona, e forse lì si potrà misurare effettivamente il valore dei Campioni d’Italia in carica.

Sarà una partita interessante, i rossoneri hanno giocato un’ottima gara nella fase a gironi a San Siro. La squadra di Guardiola è la più forte di tutti, ma il Milan in casa è sempre pericoloso. Messi? Se vince anche un mondiale diventa il più grande di sempre. Allenerò mai in Italia? Chi lo sa, qualche tempo fa si era parlato della Juve, ma voglio concentrarmi sull’Herenveen, per il futuro si vedrà.

Photo credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>