Falco di nuovo in campo ai Mondiali 2014

di Alba D'Alberto Commenta

È italiano e il suo soprannome è “Falco”. L’abitudine che ha è quella d’invadere i campi di calcio in competizioni ufficiali, mostrando una maglia con un messaggio particolare che grazie all’invasione viene amplificato. Falco, all’anagrafe Mario Ferri è un ragazzo abruzzese di 27 anni, da ieri sera è detto anche Superman. La sua ultima invasione di campo è stata proprio ai Mondiali. Nell’Arena Fonte Nova di Salvador Bahia si è giocato l’ottavo di finale tra Belgio e Stati Uniti. I pronostici davano per favorito il Belgio e in effetti la squadra europea è riuscita a superare la qualificazione ed ora incontrerà l’Argentina di Messi.  La partita tra Belgio e Stati Uniti è stata l’ultimo ottavo di finale dei Mondiali e ha riservato agli spettatori uno spettacolo considerevole. Al 16esimo del primo tempo, infatti, nell’indifferenza più totale, Mario Ferri è entrato in campo e l’ha attraverso quasi tutto.

Ha provato a fermarlo prima De Bruyne, poi sono intervenuti gli addetti alla sicurezza che l’hanno accompagnato fuori. La maglia indossata da Ferri era una maglia di Superman con la scritta Save Favelas Children cui è stato aggiunto un secondo messaggio tutto italiano: Ciro vive. Chiaramente il tributo è a Ciro Esposito, il tifoso nel Napoli che il 25 giugno è morto in seguito alle ferite riportate il 3 maggio durante la prima finale di Coppa Italia.

Mario Ferri, dicendo di rispondere alla madre, è riuscito a mettersi in contatto con Un giorno da Pecora di Radio 2 ed ha detto di essere l’ultimo italiano rimasto ai Mondiali. Davanti a lui 50 poliziotti che non si spiegavano come fosse stata possibile l’invasione. Ferri ha detto ai microfoni di Radio 2 di essersi procurato un accredito come fotografo a bordo campo. Nelle motivazioni dell’accredito aveva detto di essere un fotografo italiano in Brasile per un reportage sulle favelas. Al momento Mario Ferri dispone anche di un pass per disabili per Olanda-Costa Rica e si augura di fare una nuova invasione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>