Cassano: prima attapirato e poi trombato! Adesso è sul mercato

di Alba D'Alberto Commenta

Non molto tempo fa Valerio Staffelli di Striscia la Notizia aveva portato un tapiro d’oro a Cassano e all’uscita dello stadio di Parma avevano avuto modo di parlare del destino calcistico di Fantantonio. Il barese ha detto di tifare Samp ma di non lasciare il Parma. Poi è arrivata la rescissione consensuale del contratto.

Antonio Cassano non è più il fantasista di una volta, un po’ per l’età, un po’ per gli acciacchi fisici, un po’ perché in campo non rende come dovrebbe. E allora può dire quanto vuole di amare e tifare Sampdoria pur vestendo la maglia del Parma, ma ci sarebbero reali possibilità per lui nella rosa blucerchiata?

Per il momento Antonio Cassano, secondo un brevissimo comunicato della società emiliana, ha rescisso consensualmente il suo contratto con il Parma, ha chiesto il pagamento degli stipendi arretrati ed è stato svincolato. Adesso è libero, sul mercato. Il Parma aveva storto anche il naso alle richieste del giocatore poi aveva considerato inconsuete e inutili.

Contro il Cesena era stato convocato da Donadoni e poi lasciato in panchina. Siccome il pubblico lo richiedeva e la partita si è messa male per il Parma, il mister lo ha mandato in campo ma il destino del match non è cambiato e il Parma è sempre più solo infondo alla classifica.

Cassano a fine partita si è andato a scusare con i tifosi e con un gesto plateale uno di loro ha saltato la recinzione per andare al faccia a faccia con il barese. Il Parma ormai pensa alla Serie B e quindi vuole risparmiare i soldi dell’ingaggio di Cassano che ha segnato 5 goal di 19 partite ma è effettivamente troppo costoso. Cassano avrebbe voglia di tornare alla Samp ma nei sogni dei tifosi c’è quello di vederlo di nuovo vestire la maglia biancorossa del Bari di Paparesta. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>