Rissa Rossi-Ljajic, parla il giocatore: “Non perdono il mister”

di Stefano Rodinò Commenta

Il giocatore serbo Adem Ljajic ha deciso di tornare sulla rissa con Rossi del 2 maggio scorso e di raccontare tramite le pagine del Corriere della Sera la sua verità. Il calciatore, attualmente fuori rosa, ha espresso il desiderio di poter continuare a giocare con la maglia della Fiorentina, ma ha anche negato di aver insultato la famiglia di Delio Rossi, dicendo poi di non poter perdonare il suo ex allenatore per l’aggressione che ha subito.

INSULTI Secondo la versione del giovane serbo, non ci sono stati insulti pesanti alla famiglia di Delio Rossi, a differenza di quanto il tecnico aveva dichiarato in conferenza stampa.

Ho sbagliato e mi scuso con i tifosi della Fiorentina, con i dirigenti e con i compagni . Uscire dopo pochi minuti è la cosa peggiore che possa capitare a un giocatore. Quando sono uscito ho applaudito, ho fatto il gesto con il pollice e ho detto in italiano: sei un grande, sei proprio bravo! Ripeto, ho sbagliato, ma mai pensavo a una reazione del genere

PROVA TV Il calciatore della Fiorentina è pronto a ricorrere alla prova tv per smentire le voci uscite nei giorni scorsi riguardo agli insulti che avrebbe rivolto al suo tecnico.  Il giocatore è così sicuro che è pronto a lasciare il calcio in caso venisse smentito dalle immagini:

Chiedo a Sky di mostrare il filmato, leggete pure il mio labiale. Sono pronto a qualsiasi prova tv. Hanno messo in giro la voce che io abbia insultato la madre morte, che abbia parlato di un figlio handicappato e invece non è vero. Se si vede che dico cose simili, sono pronto a lasciare il calcio. È solo dopo che Delio Rossi ha cercato più volte di colpirmi, mentre mi diceva ‘sei uno stronzo, ti ammazzo’, che io gli ho risposto in serbo e di sicuro non erano complimenti. Non ho reagito però all’attacco e ne sono orgoglioso. Dimostra che i miei genitori mi hanno insegnato l’educazione.

INTERVALLO Ljajic racconta anche quello che è avvenuto negli spogliatoi durante l’intervallo della partita contro il Lecce:

Stavo spiegando cosa era successo a qualche compagno di squadra, poi è entrato il mister. Ha buttato per terra la lavagna e ha ripreso a insultarmi. Io ho risposto, Nastasic e De Silvestri mi hanno calmato. Li ringrazio. E ringrazio Gamberini, il capitano, che dopo la vittoria a Lecce ha avuto belle parole per me

FUORI ROSA Infine il giovane talento serbo ha espresso il suo desiderio di tornare a giocare con la maglia della Fiorentina, nonostante attualmente sia stato messo fuori rosa, ma comunque non vuole perdonare Delio Rossi per l’accaduto:

Voglio restare. Spero di restare. Questa casa l’ho comprata e chi compra casa vuole mettere radici. Non posso perdonarlo, perché ha cercato di picchiarmi mentre io ero indifeso. Lo ripeto: ho sbagliato. Ma è stata una reazione normale quella del mister

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>