Bosnia sospesa dalle competizioni internazionali

di Marco Mancini Commenta

Foto: AP/LaPresse

Da oggi la Bosnia Herzegovina non è più una nazionale, né un campionato, riconosciuto dalla Uefa e dalla Fifa. La federazione bosniaca non ha uno statuto riconosciuto dagli organismi internazionali né un unico presidente, ma tre, come imposto dalla legge bosniaca, ma che non va bene per quella calcistica. La richiesta di adeguarsi alle norme Uefa è arrivata il 4 ottobre scorso, e alle norme Fifa il 28 ottobre.

La federazione ha avuto tempo fino al 31 marzo per adeguarsi, ma siccome non è stato raggiunto il numero sufficiente di voti in assemblea per modificare lo statuto, la conseguenza inevitabile è stata che da oggi il campionato bosniaco non è riconosciuto a livello internazionale, quindi i club non potranno partecipare alle coppe (almeno per quest’anno i club interessati sono stati già tutti eliminati), ma il danno maggiore è a livello di nazionale, dato che la squadra di Dzeko aveva grosse chance di qualificarsi agli Europei del 2012 dato che, nel girone con Francia, Romania, Albania, Bielorussia e Lussemburgo, aveva già racimolato 7 punti ma aveva una partita in meno rispetto alle avversarie, e quindi potenzialmente era al secondo posto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>