Champions League, Lampard teme la Juventus

di Gioia Bò Commenta

Sale l’attesa in vista della prima giornata della fase a gironi di Champions League. La Juventus torna alla massima competizione europea dopo due anni di assenza e nel debutto dovrà vedersela con uno dei clienti più scomodi, il Chelsea di Di Matteo, campione in carica e deciso a bissare il trionfo. Cliente scomodo il Chelsea, ma altrettanto si può dire della Juventus per i Blues, costretti a confrontarsi con una delle squadre più in forma del panorama europeo. Ne è convinto Frank Lampard, che teme i bianconeri.

Il centrocampista inglese esalta le qualità della Vecchia Signora:

Non sarà facile. E’ una squadra forte, un club di tradizione, che ha fatto la storia del calcio. Ha vinto l’ultima Serie A senza mai perdere e in estate hanno investito molto: credo che sarà un osso duro.

La Juve parte da sfavorita contro i campioni in carica, ma ha dalla sua la fame di vittorie in campo internazionale, se si considera che gli ultimi successi internazionali risalgono al 1996, quando sollevò la Champions League sotto il cielo di Roma, per poi ripetersi nella Coppa Intercontinentale. Lampard, dunque, non mente quando dice di temere la Juventus, ben sapendo che è difficile ripetere la cavalcata vincente dello scorso anno:

Ripetersi? Ogni è anno è più difficile…

L’ultimo confronto ufficiale risale all’anno 2010, quando il Chelsea si impose per 1-0 tra le pareti amiche, sfruttando un’intuizione di Didier Drogba. Nella gara di ritorno i bianconeri riuscirono a sfiorare la qualificazione ai quarti di finale di Champions League, ma alla fine della fiera il punteggio di 2-2 qualificò i Blues, con tanto di recriminazioni di David Trezeguet, sostituito sul 2-1 in favore della Juventus, quando il passaggio del turno era ancora possibile. Un amarcord amaro per la Vecchia Signora, che attende da quattro anni l’occasione giusta per rifarsi con gli interessi.

[Photo Credits | Getty Images]

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>