Gli ultimi fuochi d’artificio del mercato vengono sparati a Manchester

di Marco Mancini Commenta

Non c’è stato solo il mercato italiano a tenere banco. Evidentemente la mania di aspettare l’ultimo minuto per ingaggiare calciatori di livello non è solo una prerogativa italiana. Anzi, in Inghilterra ci vanno giù anche più pesante. Nell’ultima ora di calciomercato a Manchester sono arrivati due pezzi da novanta: il primo era scontatissimo, e cioè Berbatov, per cui il Tottenham ha finalmente trovato l’accordo con lo United sulla base di 37 milioni di euro.

Il secondo acquisto invece non se l’aspettava nessuno. La nuova dirigenza araba del City, dopo aver inseguito lo stesso attaccante bulgaro e anche Ronaldinho, ha regalato ai propri tifosi il colpo dell’anno: Robinho. L’attaccante ex Real Madrid aveva dichiarato apertamente di voler giocare in Premier, e siccome le cose con il Chelsea si stavano complicando ha colto al volo l’unica occasione di evadere dalla sua prigione dorata di Madrid. L’accordo è stato trovato sui 40 milioni di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>